Al termine della sesta giornata di Serie D – girone H, Campania Football ha analizzato le gare stilando la top 11 di giornata più il miglior allenatore, comprensiva dei quattro under come prevede il regolamento di Serie D.

MODULO 3-4-3

PORTIERE

Pablo Nino Sanchez – US AGROPOLI 1921
Dimostra di essere tra i migliori portieri del girone per affidabilità e talento Sanchez, che anche con la Gelbison si rende protagonista di tre grandi parate che salvano il risultato consentendo all’Agropoli di portare a casa qualche punto. Dopo 8 minuti, il portiere spagnolo deve già immolarsi col corpo a salvare il tentativo di Pipolo da due passi. Poi è stupendo il suo colpo di reni, sempre nel primo tempo, su un colpo di testa violento di Varela. Nella ripresa, altro grande intervento su una conclusione dal nulla di Orlando, così come sono fondamentali le sue uscite per evitare situazioni spiacevoli in area di rigore: per un pelo non para anche il rigore, che però finisce fuori alla sua destra. VALORE AGGIUNTO!

DIFENSORI

Francesco Viscomi – CALCIO FOGGIA 1920
Lo sceriffo della difesa rossonera è ancora una volta insuperabile in difesa. Guida il reparto con un carisma che fa paura, tiene a bada Genchi e compagni con la solita cattiveria e abnegazione. Spettacolare, infine, il recupero che nel finale effettua su Croce: un intervento che salva il risultato e consentirà poi al Foggia di vincerla proprio sul gong.

Dembel Sall – GLADIATOR 1924
Il Koulibaly neroazzurro sfodera una grande prestazione contro il Francavilla respingendo, specie nella ripresa, tutte le minacce che arrivano in area du rigore. Fisico, reattivo e cattivo le doti di Sall che, in coppia con Maraucci, forma una coppia che è difficile, se non impossibile da superare. Gli avversari sono avvertiti…

Giuseppe Aquaro – AC NARDÒ
Chi poteva risollevare le sorti di un Nardò giù in classifica se non lui, solito guerriero che non molla mai. Al secondo anno in maglia granata, Aquaro è il solito leone che guida una difesa di giovani. Tante le urla, i movimenti ed i gesti durante la gara contro la corazzata Cerignola, che però difficilmente impensierirà il portiere Montagnolo. Avrebbe grossi meriti già per lo 0-0 che sta maturando, ma nel finale decide di giocarsi il jolly segnando, con un bolide di destro  dai 25-30 metri, il gol che regala al Nardò i primi tre punti stagionali.

CENTROCAMPISTI

Michele Terrevoli (2000) – USD BITONTO CALCIO
Solita costante spinta a destra, da quelle parti il Bitonto costruisce tantissime azioni. Sempre tra i protagonisti il giovane Terrevoli, bravo in entrambe le fasi e sempre più costante nelle sue prestazioni. Sfiora anche la rete nel primo tempo con un destro violento che Loliva gli respinge in corner, poi mette in fila una serie di cross durante tutta la gara non sfruttati dai suoi compagni.

Simone Buffa (2001) – CASARANO CALCIO
Nel centrocampo a 4 schierato da De Candia fa la differenza mettendo cuore e anima per questa maglia. Lotta e serra le fila creando una diga dove il Grumentum non passa mai. E tanti sono i complimenti specie per lui, che dimostra di essere un talento sempre più in rampa di lancio.

Diego Alvarez Arguelles “Prosi” – FBC GRAVINA
Come gioca lui a calcio, ne abbiamo visti pochi in questa categoria. Il “4” del Gravina, spagnolo coi piedi d’oro, incanta in quel di Bitonto tra sventagliate e giocate di categoria superiore che mettono spesso in porta gli avanti del Gravina. Un lusso davvero, che spaventa e non poco il più forte Bitonto: fenomeno della mediana!

Imad El Kabbou (2000) – CITTÀ DI FASANO
Alla sua prima apparizione da titolare, il talentuoso canterano del Barcellona fa vedere tutto il suo talento mettendosi in mostra sulla corsia di destra con numerose accelerazioni e inserimenti. Il Fasano la vince proprio sulle corsie laterali, dove lui e Corvino fanno la differenza saltando come e quando vogliono gli avversari. In una gara disputata egregiamente dal classe 2000, arriva infine la ciliegina sulla torta del gol: un sinistro forte in area che non lascia scampo al portiere altamurano.

ATTACCANTI

Simone Sorgente (1999) – NOCERINA 1910
Si procura un calcio di rigore con grande astuzia e segna il gol del pari con una bellissima azione personale tutta forza chiusa con un sinistro di rara bellezza in area. Una partita sontuosa quella del giovane attaccante molosso, sempre tra i migliori in questa prima parte di stagione e decisivo nel derby col Sorrento non solo per i gol ma anche per il tanto lavoro sporco che fa per la squadra, specie dopo l’espulsione accorsa a De Siena.

Loris Palazzo – FIDELIS ANDRIA
Meritava già da un po’ la TOP 11, la trova adesso grazie ad una doppietta che stende nel derby il Brindisi. È tarantola il “17” andriese, che in gara non si prende quasi mai. Attaccante modello, perché si muove in continuazione attaccando qualsiasi spazio, segna una doppietta con un rigore che si procura lui stesso ed un destro bellissimo al volo in area che strappa applausi da ogni dove. 2 gol e gliene annullano anche uno, così a metà della ripresa Mister Favarin gli concede anche la meritata standing ovation: ad oggi, per fermarlo bisogna solo “spararlo”.

Salvatore Mincica – CASARANO CALCIO
È in giornata monstre il numero “10” rossoblu che, quasi da solo, manda al tappeto il Grumentum. Trascina il Casarano il folletto Mincica, che prima inventa per il vantaggio di Olcese e poi mette a sicuro la gara, già nel primo tempo, con la rete del raddoppio. Coglie anche un palo e sfiora la doppietta nella ripresa, che però gli viene negata da Donini. Regala spettacolo da ogni angolatura, che giocatore!

ALLENATORE

Antonio Foglia Manzillo – AC NARDÒ
FINALMENTE VITTORIA! Finalmente quei tre punti tanto cercati arrivano contro un Cerignola molto più forte sulla carta e che doveva vincere per non perdere il contatto dalle prime della classe. Ma la fame del Nardò è troppo più forte degli avversari, che subiscono spesso e volentieri il ritmo dettato da Calemme e compagni che giocano a calcio, nonostante i risultati dicessero altro. I tre punti arrivano grazie ad un destro di Aquaro dalla distanza, ma lo 0-0 sarebbe stato stretto più al Nardò che al Cerignola, che almeno questa volta ha avuto la fortuna di portarsi i punti a casa dopo aver disputato, nelle scorse partite, dei buonissimi match senza però mai raccogliere alcunché. Vittoria invece è stata e grossi meriti vanno al tecnico campano che, siamo certi, con questo gioco e questo affiatamento non avrà problemi a centrare l’obiettivo salvezza.

Di seguito la grafica di Campania Football