Una prodezza balistica del mago Cerone regala vittoria e vetta solitaria ai gialloblù

GIUGLIANO IN CAMPANIA - Non basta il primo gol subito in campionato dal Giugliano per uscire dal “De Cristofaro” senza risultato positivo. I ragazzi di mister Ferraro fanno 8 su 8 grazie ad una prodezza di Cerone che fa venire giù lo stadio con una punizione davvero imprendibile per Manni. La partita è stata combattuta, con i romani arrivati in Campania con l”idea di difendersi e provare ad approfittare di qualche sbavatura. Copione già visto dalle altre squadre che sono venute al “De Cristofaro”, ma anche questa volta il copione è lo stesso dal punto di vista del risultato.

Il primo brivido arriva all’ 8′ con Gladestony che dalla distanza alza troppo la mira e spedisce sul fondo. Dieci minuti dopo la sblocca il solito Michele Scaringella. Punizione splendida di Cerone che prova a sorprendere Manni alle spalle della barriera, il portiere fa un miracolo per dire di no al fantasista, ma sulla ribattuta arriva prima di tutti Scaringella che di opportunismo la mette dentro. La Vis Artena non ci sta e al 32′ trova l’inaspettata rete del pareggio. Schema di punizione, la palla si muove e va sulla sinistra per Pompei, cross dell’esterno mancino a trovare un compagno in area che fa la sponda per Carbone che a sua volta fa un’altra sponda che arriva sulla testa di Jukic. 1-1 e tutto da rifare per i ragazzi di mister Ferraro. 5 minuti più tardi ancora Cerone dipinge sulla testa di Rizzo che non riesce ad imprimere forza al pallone. Nei minuti finali ancora Rizzo ha la palla per riportare avanti i suoi dopo un lancio millimetrico di capitan Ciro Poziello, l’argentino spara con il destro su Manni che chiude lo specchio. La ripresa è molto più brutta, con tante perdite di tempo di parte degli ospiti. Biasiol al 18′ di testa su cross da angolo di Cerone fa impennare la sfera sopra la traversa. Al 34′ Cerone con una delle sue solite punizioni, è bravo Manni a parare. Accelera il Giugliano, e al 39′ Gladestony chiama ad una provvidenziale parata il portiere romano. Lo stesso Gladestony al 44′ si prende fallo dai 25 metri. Zolla Cerone verrebbe da dire. Il mago ex Savoia fa partire un mancino che gira sul palo del portiere e fa venire giù il De Cristofaro. Gol, vittoria, 3 punti e capolista che se ne va. Il Giugliano fa festa e arriva al doppio, decisivo quasi, scontro diretto con Afragolese e Aprilia a punteggio pieno e capolista solitaria.