Gara ricca di emozioni ed episodi al "Giraud" tra Savoia e Castrovillari, decisa nel finale da un gran goal del nuovo acquisto Romano

TORRE ANNUNZIATA (NA) - Il Savoia soffre ma vince 3-2 contro un ostico Castrovillari. Gara da montagne russe quella andata in scena al “Giraud” con continui sorpassi e contro sorpassi che all’ultima curva hanno visto prevalere i ragazzi di mister Parlato.

Primo Tempo

La gara si apre subito in salita per i biancoscudati che al 3′ vanno sotto. Punizione da centrocampo per i calabresi, Puntoriere “addomestica” il pallone di petto e in girata, da posizione defilata, beffa Volzone con una “palombella” che gela il Giraud, è 0-1. Il Savoia reagisce subito e ci prova con Giacobbe ma il suo tiro smorzato è facile preda di Aiolfi. I padroni di casa insistono e al 9′ è Tascone ad andare vicino al pari ma il suo colpo di testa finisce fuori. Passano due minuti e i bianchi guadagnano un calcio di rigore, Cerone danza sul pallone entra in area e Mansueto lo atterra. Dal dischetto lo stesso numero 10 decide per il “cucchiaio” che Aiolfi intercetta. I bianchi protestano reclamano ritenendo la parata avvenuta con il pallone oltre la linea di porta, per il direttore di gara  non è goal e lascia proseguire. La gara si innervosisce e ci sono continue interruzioni con interventi duri. Il Savoia continua a condurre il gioco con Cerone che, dopo una gran giocata, serve Giacobbe con un filtrante ma l’ex Aversa Normanna da posizione leggermente defilata calcia sul portiere rossonero. Al 25′ è Osuji con un potente tiro da fuori ad impegnare Aiolfi che respinge verso Diakite che manca il pallone a porta vuota. Passa un minuto e i bianchi pareggiano, un tiro di Giacobbe viene respinto ancora dall’estremo difensore ospite ma stavolta è Rondinella il più lesto a ribadire in rete per l’1-1. Il goal del pari abbassa i ritmi, complice anche il caldo, e nel finale di tempo accade poco. Da registrare una punizione calciata alta da Cerone e il tiro di poco fuori di Consiglio per gli ospiti che chiude la prima frazione.

Un primo tempo quasi tutto di marca Savoia che domina il gioco ma in maniera sterile riuscendo ad essere realmente pericolosa in poche occasioni contro un Castrovillari cinico bravo a capitalizzare al massimo le occasioni avute. I bianchi però recriminano sull’episodio dagli undici metri che poteva cambiare l’andamento della gara.

Secondo Tempo

La ripresa si apre subito con le proteste dei padroni di casa, Cerone da calcio piazzato serve Tascone che mette in rete, l’arbitro annulla per fuorigioco. Ancora Tascone ci prova sugli sviluppi di un angolo, ma il suo tiro finisce a lato. Al 55′ ancora un gol annullato al Savoia, Cerone compie una magia sulla destra crossando al centro per Diakite, l’ex Taranto tutto solo appoggia in rete di testa ma per il guardalinee è ancora fuorigioco. Arrivano i primi cambi ma è sempre il Savoia a spingere, punizione dal limite di Cerone, Aiolfi respinge nella zona di Osuji che ottiene un calcio di rigore per atterramento di Consiglio. Dal dischetto si presenta Diakite che spiazza il portiere calabrese per il 2-1. I ritmi calano nuovamente complici anche i tanti cambi e al 77′ come un fulmine a ciel sereno arriva il nuovo pari del Castrovillari. Grimaldi si invola sulla fascia sinistra, indisturbato crossa sulla testa di Gagliardi che batte un non irreprensibile Volzone per l’inaspettato 2-2. Parlato tenta l’assalto finale e inserisce un attaccante per un centrocampista, fuori Luciani dentro Romano. Il cambio si rivela vincente, a sei minuti dal suo ingresso Romano raccoglie una sponda e al volo dal limite insacca il goal del 3-2 per il nuovo vantaggio biancoscudato. La rete scatena tensione a bordo campo dove si crea un folto capannello poi risolto dal direttore di gara che espelle nell’occasione il tecnico ospite Marra e i calciatori Rondinella (Savoia) e Buda (Castrovillari). In pieno recupero il Savoia rischia di capitolare ancora ma stavolta Volzone è superlativo su colpo di testa di Rosi. L’ultima occasione è di marca biancoscudata, con un gioco di prestigio Romano lancia in contropiede Oyewale, il giovane terzino calcia forte ma Aiolfi è attento e blocca a terra.

La gara termina dopo dieci minuti di recupero con uno spettacolare 3-2 e tanti episodi discutibili. Il Savoia riesce a portare a casa la prima vittoria in campionato davanti al suo pubblico, dopo il pari contro il San Tommaso, avendo la meglio sul mai domo Castrovillari.

SAVOIA – CASTROVILLARI 3-2 (3′ Puntoriere (C), 26′ Rondinella (S), 61′ rig. Diakite (S), 77′ Gagliardi (C), 85′ Romano (S)) 

SAVOIA: Volzone (’00), Oyewale (’00), Poziello, Dionisi, Rondinella (’01), Luciani (Romano), Osuji (Gatto), Cerone, Tascone (’00), Diakite (Guastamacchia), Giacobbe (Abayian);

A disp: Prudente (’01), Giunta (’99), Romano, Abayian, Gatto, Guastamacchia, Riccio (’99), Cavucci (’02), Paudice (’01); All: Parlato;

CASTROVILLARI: Aiolfi, Mattei (’00) (Rosi), Greco (’01) (Grimaldi), Mansueto (’99) (Lanza), Ferrante, Vona, Barilaro (Bellomonte), Miocchi (Buda), Puntoriere, Gagliardi, Consiglio (’01);

A disp: La Rosa (’01), Grimaldi (’00), De Pace (’00), La Ragione (’01), Lanza (’99), Bonafine (’01), Buda, Rosi (’01), Bellomonte; All: Marra;

ARBITRO: Andreano (Prato);

ASSISTENTI: Ticani – Bianchini;

AMMONITI: Mattei (C), Dionisi (S), Gagliardi (C);

ESPULSI: Marra (C), Rondinella (S), Buda (C);

ANGOLI: 7-2;

RECUPERO: 2′ Pt; 10′ St;