Al "Franco Scoglio" i siciliani si impongono con una rete per tempo

MESSINA - Concluso il campionato è stato tempo di finale play-off nell’interminabile stagione del girone I di Serie D. La Gelbison nel pomeriggio di oggi, alle ore 17:30, ha fatto visita allo stadio “Franco Scoglio” ai siciliani dell’ Fc Messina, sotto la direzione del sig. Kevin Bonacina della sezione di Bergamo. I ragazzi di Giuseppe Ferazzoli reduci dal successo interno, in rimonta, con i calabresi del San Luca erano costretti alla vittoria sul campo dei siculi. Cilentani e siculi erano opposti per la terza volta in stagione con un pareggio ed un successo isolano. All’andata, il 31 gennaio, divisione della posta al “Morra” con il finale di 1-1 mentre il 23 maggio vittoria di misura, per 1-0, per i peloritani tra le mura amiche. Termina per 2-0 con una rete per tempo per i padroni di casa, con un uomo in più dal 40′ del primo tempo.

Fc Messina – Gelbison: il primo tempo

Nelle battute iniziali della gara sugli scudi Francesco Lodi, con un trascorso in A con Empoli, Udinese, Catania, Parma e Genoa. Il centrocampista al 2′ e al 6′ prova la soluzione su calcio piazzato ma D’Agostino fa buona guardia. Più pericolosi i cilentani al quarto d’ora quando De Foglio mette una palla pericolosa nel mezzo dove Marchetti di testa anticipa Sparacello e Gagliardi. Una gara sostanzialmente bloccata in avvio dopo una buona partenza dei siculi vede i rossoblù vallesi crescere. Al 20′ però D’Agostino è costretto a metterci la mano sinistra per chiudere in angolo su Casella, che dal vertice dell’area piccola trova pronto il numero uno ospite. Nel giro di pochi secondi alla mezz’ora un’occasione per parte: prima Sparacello viene murato da Marchetti, al limite dell’area, e sulla ripartenza Caballero spedisce, quasi indisturbato, dai 16 metri di poco alla sinistra di D’Agostino. Dopo meno di un minuto si fa vedere Maiorano con una conclusione velenosa che non trova lo specchio della porta. Al 36′ il tiro-cross di Fissore, giunto dopo la battuta di un corner, trova attento D’Agostino che arriva prima di tutti sula sfera in presa alta. Centoventi secondi dopo è invece Carbonaro a provare la battuta a rete, ma la sfera si perde alta sulla traversa.

Nel finale di frazione cambia la gara

Al 40′ doccia fredda per la Gelbison che resta in dieci per il doppio giallo beccato da Iasevoli. Tempo due minuti, poi, capitan Uliano, per noie fisiche, è costretto ad abbandonare il campo, sostituito da Ziroli. Poco prima del 45′ i padroni di casa passano con un tiro-cross dalla destra di Ricossa che trova pronto D’Agostino che però non può nulla sul tap-in ravvicinato di Caballero che timbra il momentaneo 1-0. L’ultimo sussulto della prima frazione nel recupero con Gagliardi che gira dall’interno dell’area trovando la grande opposizione di Marone, fortunato a trovarsi la palla tra le mani pochi secondi dopo la girata di Pipolo.

La ripresa

Il secondo tempo si apre al 4′ con un tentativo dai 25 metri di Lodi che trova D’Agostino pronto a chiudere in angolo. Stesso copione al 7′ su una punizione battuta dal centrocampista messinese e il numero uno vallese ad alzare in corner. Costretto agli straordinari sul fronte opposto anche Marone che al 14′ chiude in angolo sul guizzo, scoccato dal limite dell’area piccola, di Sparacello. Il Messina, grazie anche all’uomo in più, fa girare palla cercando l’ampiezza del campo per allargare le maglie rossoblù e al 22′ Agnelli vede rimpallata da Pipolo il suo destro. Al 27′ è invece Bianco a calciare al lato, con un diagonale indirizzato verso la porta vallese dal settore destro del campo. Un minuto dopo è Carbonaro poi a chiamare all’intervento D’Agostino ancora sicuro nella sua presa bassa.

Al 29′ contropiede cilentano con Sparacello che trova l’opposizione decisiva di Marchetti che chiude sull’avanti ospite mettendo la sfera in corner. La gara si infiamma e alla mezzora D’Agostino deve abbandonare la sua area per anticipare in scivolata la corsa di Bianco, lanciato a rete. Lo stesso portiere è chiamato ancora in causa al 32′ da Carbonaro, che con un tiro dai 20 metri trova i guantoni del portiere cilentano. Al 36′ l’Fc Messina trova il raddoppio con Lodi che insacca, dal lato destro dell’area, dopo una risposta strepitosa di D’Agostino di piede su Carbonaro lanciato in contropiede. Termina cosi 2-0 con la Gelbison che chiude a testa alta una stagione d’alto profilo disputata nel girone I di Serie D.

Il tabellino

Fc Messina- Gelbison: 2-0
Finale Play-off Serie D- Girone I

Reti: Caballero 44′ pt, Lodi 36′ st
Fc Messina (4-3-3) Marone, Marchetti D., Carbonaro (45′ st Cangemi), Palma (30′ st Marchetti A), Agnelli, Casella, Lodi, Fissore, Caballero (34′ st Coria), Ricossa (44′ st Panebianco), Bianco (44′ st Romano)
A disp: Monte, Arena, Joao Silva, Aita All: Costantino.
Gelbison (3-5-2) : D’Agostino, Pipolo, Gagliardi, Uliano (42′ pt Ziroli), Rossi (13′ st Mesina) , D’Orsi, De Foglio, Dayawa (32′ st Di Fiore), Maiorano (38′ st Guadagno), Iasevoli, Sparacello.
A disp: Gesualdi, Volpe, Stancarone, Mautone, Coiro. All.: Ferazzoli.
Arbitro: Kevin Bonacina di Bergamo (Starnini-Bertozzi)
Espulsi: Iasevoli 40′ pt Ammoniti: Iasevoli,  De Foglio, Maiorano, Agnelli
Note: giornata soleggiata Spettatori: porte chiuse Campo: naturale
Recupero: 3 ‘p.t. 4’ s.t. Corner: 7-2
Fc Messina: maglia azzurra, con pantaloncini e calzettoni azzurri
Gelbison: maglia bianca, con pantaloncini e calzettoni bianchi