I club sono fermi dal 24 Ottobre, appena il CONI dichiarerà il campionato di interesse nazionale saranno consentiti gli allenamenti di squadra

NAPOLI - Da oggi è cominciato il lungo percorso che consentirà ai 536 club di tutto lo stivale del campionato di Eccellenza, del calcio femminile e del Calcio A5 maschile e femminile di tornare a giocare le rispettive competizioni. 

L’intenzione di riprendere in sicurezza nell’ultimo periodo è stata più volte manifestata sul web da diversi addetti ai lavori suddivisi tra presidenti, dirigenti e soprattutto allenatori e calciatori. La Lnd, nell’ultimo Consiglio Direttivo, dopo una lunga riflessione e tanti confronti ha votato all’unanimità la volontà di voler riprendere i massimi campionati regionali evidenziando diversi passaggi importanti prima di arrivare alla ripresa ufficiale. 

RICONOSCIMENTO INTERESSE NAZIONALE – Questa settimana, la Lnd invierà la comunicazione agli uffici della Figc della volontà di dichiarare i massimi campionati regionali di interesse nazionale. Successivamente, la Figc inoltrerà questa richiesta al Coni che dovrà soltanto riconoscere l’Eccellenza come competizione di interesse nazionale. Un iter che dovrebbe richiedere circa una settimana. Quindi tra venerdì e sabato, dovremmo sapere con ufficialità se da lunedì 15 Febbraio, i club di Eccellenza potranno tornare ad allenarsi in gruppo.

REPERIRE RISORSE ECONOMICHE PER LA TUTELA SANITARIA – Il nocciolo della questione sarà quello di reperire fondi dal Governo per permettere ai club di sostenere le spese mediche per i test prima delle partite e per la sanificazione degli impianti sportivi. A Roma sono in corso le consultazioni per la formazione del nuovo governo dal premier incaricato Draghi. Questa settimana o la prossima dovrebbe nascere il nuovo Governo Draghi e successivamente esserci la nomina del nuovo Ministro dello Sport che dovrà prendere subito le redini della situazione. 

LA FIGC MONITORA LA SITUAZIONE – Gabriele Gravina come annunciato da Spadafora due settimane fa ha tenuto dei contatti per cercare di venire incontro all’esigenza dei club di Eccellenza di voler riprendere a giocare e di inserire fondi (1 milione e mezzo) per i test rapidi nel prossimo decreto ristori. 

L’ELEZIONE DEL 22 FEBBRAIO TRA GRAVINA E SIBILIA La sfida tra l’attuale Presidente e Vice Presidente Vicario della Figc si terrà tra due settimane. Gravina può contare su un ampio consenso rispetto al capo della Legadilettanti. Soltanto dopo l’Assemblea elettiva e la nomina del nuovo Presidente che guiderà la Figc per il quadriennio olimpico 2021-2024 si riunirà il nuovo Consiglio Federale per decidere sui temi che verranno messi sul tavolo da Sibilia.

LE PROPOSTE DELLA LND E DI SIBILIA CHE ANDRANNO IN CONSIGLIO FEDERALE – La Lnd come deciso nell’ultimo Consiglio Direttivo porterà sul tavolo del Consiglio Federale la possibilità di bloccare le retrocessioni dell’Eccellenza e di consentire il mantenimento della categoria alle società che per motivi economici non saranno in condizioni di scendere in campo, a patto che versino l’intera quota per l’iscrizione al campionato. Sempre sul tavolo del prossimo Consiglio Federale, ci sarà la richiesta di deroga dei format dei campionati da parte dei Comitati Regionali. 

SABATO 20 MARZO 2021, DATA DEL POSSIBILE RITORNO IN CAMPO – E’ la data che alcuni addetti ai lavori si sono già cerchiati, dopo che anche il Dipartimento Interregionale ha indicato questa come la data utile per la ripresa del campionato Juniores Nazionale, fermo dal 24 Ottobre. Naturalmente per il via libera servirà l’autorizzazione da parte delle autorità governative e sanitarie. Molto dipenderà dalla situazione epidemiologica, che si spera di essere migliore di quella attuale. 

Insomma un percorso ancora lungo e pieno di suspense per allenatori, calciatori e dirigenti.