Ufficiale il ricorso da parte della società casalese coinvolta nel clamoroso episodio arbitrale contro il Casoria, gara terminata 1-1

CASAL DI PRINCIPE (CE) – Evidente ormai a tutti, visti anche i chiari filmati, l’errore dell’arbitro Marco Di Placido che ha ammonito 2 volte il calciatore Esperimento senza estrarre il cartellino rosso. Immediata la risposta dell’Albanova che ha presentato reclamo basato sull’errore tecnico del direttore di gara. Ecco il comunicato della società con le dichiarazioni del patron Zippo:

L’Albanova Calcio comunica di aver provveduto, in ottemperanza alle nuove modalità del Codice di Giustizia Sportiva, al reclamo per errore tecnico del direttore di gara relativo all’ultimo match disputato contro il Casoria (doppia ammonizione di Esperimento non espulso). Così Giuseppe Zippo: “Siamo certi che il Signor Di Placido confermerà tutto quanto già da lui stesso affermato negli spogliatoi nel post partita, pur conscio che tale dimostrazione di lealtà e onestà potrebbe comportargli eventuali ripercussioni sotto il profilo professionale. È chiaro, tuttavia, che rinnegare quanto ammesso e smentire le immagini inequivocabili provocherebbe effetti ancor maggiori, sia dagli organi preposti, sia da tutto il movimento campano ed anche nazionale. Inoltre, in caso di mancata ammissione auspicheremmo un intervento deciso del presidente AIA regionale Virginio Quartuccio, che sia ancora più severo di una semplice sospensione per errore tecnico, in quanto ci troveremmo di fronte ad una manifestazione di disonestà e quindi ad una mancanza di rispetto nei confronti di tutti.

Attendiamo con serenità il verdetto sul prossimo Comunicato Ufficiale, anticipando sin da ora che l’Albanova tutelerà in tutte le sedi opportune il proprio diritto alla giustizia e la propria posizione, nel rispetto e nell’interesse del principio guida di tutto il movimento: la lealtà”

Ufficio Stampa Albanova