Fu la Sarnese ad accedere in Serie D, ma da allora nessuna campana riesce a lasciare l’Eccellenza attraverso gli spareggi. L’ultima napoletana fu l’Internapoli Camaldoli nel 2011

NAPOLI – Ancora un anno a bocca asciutta per la Campania nei play-off nazionali di Eccellenza. Ieri i napoletani dell’Afragolese, forti dl 2-0 in casalingo, hanno sfiorato la promozione in casa del Bitonto, ma i rossoblù  sono stati sfortunati ai rigori, soprattutto con quello calciato da Patieno dell’Omnia Bitonto: la palla è stata respinta dal portiere sul palo, poi ha colpito la schiena dell’estremo difensore per poi finire lentamente in rete. L’Agropoli, dopo aver perso lo spareggio per il primo posto con il Sorrento, non è riuscito a superare il Castrovillari. Ma quando una campana ha avuto accesso in Serie D attraverso i play-off nazionali?

L’ultima volta è successo nella stagione 2013-2014 quando la Sarnese superò i pugliesi della Gioventù calcio Daunia e il Picerno in finale. Per vedere una napoletana superare questo scoglio, invece, dobbiamo andare nella stagione 2010-2011 quando l’Internapoli Camaldoli di mister Corrado Sorrentino, dopo aver eliminato i molisani del Peticciato, vinse in finale con i siciliani del Due Torri: in casa, allo stadio Kennedy, finì 1-1, mentre in Sicilia i biancazzurri s’imposero per 2-0 con il gol al 93’ del difensore Carmine Signore, questa stagione in forza alla Puteolana, gol mai dimenticato dai tifosi collinari.

Tra questi due successi, ci furono le promozioni di Cavese e Torrecuso: per la prima parliamo della stagione 2011-2012 con i aquilotti che, vincitori dei play-off regionali del girone B, eliminarono prima i calabresi dell’Isola Capo Rizzuto poi i siciliani dell’Akragas. L’anno dopo toccò ai beneventani del Torrecuso allenati dall’esperto Pasquale Santosuosso: i sanniti eliminarono i molisani del Fornelli e in finale il Due Torri.