Sulla prossima sfida contro il Barano il Direttore Sportivo oplontino ha aggiunto: "Troveremo un avversario forte che cercherà di metterci in difficoltà, ma noi daremo il massimo per superare questo ostacolo"

TORRE ANNUNZIATA (NA) - Si apre con una grande chance di ridurre il gap dalla vetta della classifica il 2022 del Savoia.

La formazione oplontina potrebbe infatti sfruttare il rinvio delle gare di Puteolana (con la Frattese) e Ischia (per la Coppa) per aggrappare il secondo posto in solitaria.

Il debutto nel nuovo anno sarà però per il Savoia tutt’altro che semplice. La compagine di Torre Annunziata sarà ospite del Barano, che all’andata strappò dal Giraud a sorpresa i tre punti dalla contesa.

Dell’imminente sfida, ma anche di una possibilità di tornare sul mercato, ha parlato ai microfoni della società il Ds degli oplontini Carmine Palumbo

PROSSIMO AVVERSARIO – “Mi aspetto la solita partita battagliera, anche perché il Barano, che ci ha sconfitto all’andata, si è rinforzato così come noi che non affrontammo quella gara al completo. L’ultima gara l’abbiamo disputata il 18 dicembre: è trascorso più di un mese e non vediamo l’ora di scendere in campo e che questo campionato, finalmente, ricominci”.

GIRONE DI RITORNO – “Troveremo un avversario forte, agguerrito, che cercherà di metterci in difficoltà ma noi daremo il massimo per superare questo ostacolo difficile. Il girone di ritorno è sempre un campionato a parte perché, di mezzo, c’è il mercato e tutte le compagini, compresa la nostra, si sono rinforzate. Per noi dovranno essere 12 finali e dovremo giocarle dando il massimo, il discorso vale per i titolari così come per chi subentra ma anche per la dirigenza”.

MERCATO – “Se dovesse capitare l’occasione di mercato, sicuramente non ci tireremmo indietro. Anche perché si parla di una nuova finestra di trasferimenti all’orizzonte. Staremo ben attenti, ma ritengo che la squadra sia già abbastanza completa e competitiva”.