L'attacco purtroppo non ingrana come deve ma Fabio Caserta può contare sempre sulla sua difesa. La Juve Stabia soffre poco ma non riesce a pungere con cattiveria

CASTELLAMMARE DI STABIA (NA)- Ecco o voti degli uomini di mister Fabio Caserta:

Branduani 6, viene impegnato poche volte. Rispetto all’ultima partita gioca meglio con i piedi e dialoga bene con i suoi compagni. Infine, è autore di una strepitosa parata quasi a fine gara ma per l’arbitro era tutto fermo per fuorigioco.

Vitiello 6, anche se si fa vedere poche volte nei pressi dell’area avversaria, è autore di una buona prestazione difensiva. In questa gara è mancato il solito dialogo con Melara che non era in partita.

Allievi 6, ritorna a ricoprire il suo ruolo naturale e la sua prestazione ritorna ai livelli di una volta. Si divide bene França con Troest; l’unica nota stonata è il dialogo poco fluido tra lui e Germoni.

Troest 6,5, nonostante França non sia un cliente facile, lui lo domina senza problemi, gli lascia fare solo un tiro con spalle alla porta, per il resto il numero 9 rossoblu non si vede mai. Bravo anche in fase di gestione del pallone.

Germoni 5, non un esordio da ricordare per l’ex giocatore della Virtus Entella che spesso e volentieri si fa saltare troppe volte da Coccia o da Ricci. Tenta di farsi vedere in avanti ma alterna delle buone giocate con degli stop sbagliati molto elementari e inoltre non si intende con Allievi.

Calò 6, nonostante una partita ordinata con giocate semplici e con qualche passaggio illuminante, il suo voto scende a causa di due palloni persi nel finale di partita che potevano costare caro alla retroguardia stabiese.

Viola 6,5, insieme a Carlini forse uno dei migliori di questa gara; si muove molto alla ricerca del pallone per poter poi duettare con passaggi brevi e veloci con i suoi compagni. Qualche volte riesce a fare delle giocate da Serie A. (Mastalli 5,5, con il suo ingresso le vespe perdono quel palleggio deciso e fluido che avevano quando c’era in campo viola)

Carlini 6,5, viene spostato da mezz’ala a trequartista nel 4-2-3-1 e i compagni sperano in una sua giocata illuminante che purtroppo non arriva. Nonostante ciò era volenteroso di far male la retroguardia potentina cercando in continuazione la collaborazione dei suoi compagni.

Canotto 5,5, cambia la partita, cambia anche lui. Nel primo tempo è autore di buone giocate ed è stato proprio lui a scheggiare il palo su un destro a giro che non avrebbe lasciato scambio a Ioime. In tutto il secondo tempo è un fantasma e subisce anche la differenza fisica con i difensori rossoblu. (Elia s.v.)

Melara 5, non riesce mai a saltare l’avversario e i suoi cross sono imprecisi. Inoltre sbaglia anche dei passaggi elementari. La sua continuità è indispensabile se la Juve Stabia vuole raggiungere la promozione. (Torromino 5,5, non riesce a brillare come contro la Viterbese quando invento due magie. Purtroppo viene servito poco e non riesce ad esprimersi come lui sa fare)

Paponi 5,5, è ingabbiato tra i colossi del Potenza ed è costretto a prendersi il pallone da centrocampo ma anche lui non è in serata. (El Ouazni 5,5, la musica non cambia al suo ingresso)

Caserta 6, è una Juve Stabia che soffre poco gli attacchi del Potenza è anche quando l’attacco non funziona, la difesa è sempre una garanzia. L’unica nota è l’ingresso di Mastalli che può dare energia e dinamismo ma ha tolto il possesso palla continuo delle vespe.