Il tecnico del Sarrabus salterà la sfida del Giraud per la squalifica rimediata contro il Gladiator

REDAZIONE Dodici punti in sei gare e quarto posto in graduatoria: questi sono i ‘numeri primi’ della squadra del Sarrabus prossima alla sfida del Giraud contro il Savoia. Il team sardo è reduce da un autentico –giro di forza– partito lo scorso il 18 dicembre in quel di Nola e che terminerà mercoledì prossimo ad Afragola. Nel mentre 2 vittorie, il pari di Giugliano e l’unica sconfitta finora maturata ad opera del Cassino. A detta del tecnico sardo, Francesco Loi, il Muravera che si appresta a sfidare il campo di Torre Annunziata è squadra assai diversa rispetto a quella vista prima dello stop: “Sarà un Muravera molto diverso da quello che era la squadra all’inizio di questo ciclo. Sono cambiate tante cose sia a livello di condizione che di organico. Arriveremo a Torre Annunziata con tante defezioni, però arriverà una squadra motivata e umile: perché l’unico modo per affrontare una squadra come il Savoia è avere tanta umiltà”.

Il tour de force dei gialloblù (con la gara contro l’Afragolese saranno 4 i match spalmati su 10 giorni) peserà in modo notevole anche sulla sfida contro gli oplontini: “Facciamo la terza partita in sette giorni e ci apprestiamo a fare la quarta (contro l’Afragolese, ndr) in dieci giorni. È dura giocare tante partire ravvicinata considerando che non siamo professionisti e non abbiamo una rosa lunghissima, ma avremo modo di dare spazio a chi ha giocato meno in questo avvio di stagione”.

La stagione riprende con il protocollo rivisto e corretto, ma il nuovo strumento di controllo e garanzia approntato dalla lega per continuare il campionato non convince mister Loi: “Il protocollo non mi convince appieno, però è sempre meglio di quello che c’era fino a due settimane fa, perché si sono viste cose che non vanno bene con il calcio. Noi abbiamo giocato una partita in due mesi, mai per una rinuncia da parte nostra. Spesso ci siamo visti rinviare una gara a poche ore del fischio di inizio. È giusto che ci siano regole più stringenti e che ci sia una presa di coscienza da parte delle società, perché continuando sulla via che si era presa si rischiava di fare diventare il campionato una barzelletta. Con questo protocollo si potrà portare il torneo a termine. Molto dipenderà dalla serietà delle persone”.

Muravera con gli uomini contati in vista della trasferta campana e, mister Loi non sarà in panca per la squalifica rimediata contro il Gladiator: “Abbiamo giocato mercoledì, siamo in alto mare a livello di giocatori, aspettiamo il rientro di molti elementi. Domani (oggi, ndr) faremo la conta dei disponibili dopo la rifinitura. Quella di Torre Annunziata sarà una partita complicatissima”.