La nota del presidente Ghirelli: “Hanno proposto di cancellare la serie C con una teoria astrusa”

REDAZIONE - Scontro di vedute tra il presidente Francesco Ghirelli (Lega Pro) e Cosimo Sibila, capo del calcio dilettantistico. Il numero uno della lega fiorentina e terza della piramide calcistica italiana ha rilasciato, due giorni fa, una nota stampa al portale TuttoC nella quale evidenziava i molteplici punti del programma di trasformazione della serie C che seguiranno alla sua rielezione. La risposta di Sibila non s’è fatta attendere e, sempre tramite il sito TuttoC, il presidente della LND ha risposto, stizzito, al suo collega: “Il presidente Ghirelli già conosce l’esito delle elezioni federali: non sapevo avesse il dono della preveggenza, in ogni caso vorrei ricordargli che negli ultimi due anni di gestione della Federazione c’erano tutte le condizioni per portare a compimento l’attesa riforma dei campionati. Ma qualcuno ha preferito gli interessi di bottega e il culto della personalità anziché ricercare il bene del calcio italiano”. Sibila ha poi aggiunto: “Come LND siamo stati sempre disponibili al confronto e soprattutto al portare un contributo di concretezza. L’area del professionismo, e in particolare la Serie C, così com’è non sta in piedi, lo dicono i fatti. Altrimenti non ci sarebbe stato bisogno di cambiare in corsa i criteri per retrocessioni e playout di un girone. I club di D hanno invece dimostrato di essere una risorsa fondamentale in termini di solidità e di prospettiva, basta guardare gli organici nel tempo e farsi facilmente un’idea”.