Turno agevole dopo la qualificazione nella finale di Coppa Italia per la squadra di Fabiano che affronterà il Pimonte di Durazzo ultimo in classifica con soli 4 punti

NAPOLI – Il più classico dei testacoda attende il Savoia che, reduce dall’impresa di Coppa Italia che ha visto i bianchi approdare in finale, si rituffa nel campionato dove affronterà il Pimonte, ultima della classe. Un match che, stando alla giornata, potrebbe consegnare alla squadra di Fabiano un ulteriore mattone, forse quello più importante, per la conquista della D visto l’importante match Puteolana – Afragolese. D’altro canto, il Savoia fin qui sta dimostrando di meritare quanto ottenuto finora e, con l’eventuale vittoria di domenica, potrebbe inanellare la nona vittoria di fila e il 16 successo stagionale in Eccellenza. La società biancoscudata, in più, per la gara col Pimonte ha deciso di optare per la mattina, con precisione le ore 10:30, per dare la possibilità alle famiglie di potersi godere una giornata di sano sport. Il Pimonte, ultima in graduatoria con soli 4 punti, spera nella gara dell’anno per poter uscire indenne da un Giraud che, salvo la sconfitta iniziale con la Mariglianese, ha visto sempre un Savoia vincente e convincente. Alla squadra di Durazzo, inoltre, mancherà anche un titolarissimo come Camillo Russo, appiedato dal giudice sportivo: l’intero peso del team biancoceleste cadrà quindi tutto su bomber Matrecano, autore sin qui di tre reti con la maglia del Pimonte. Mister Fabiano, dalla sua, avrà come di consueto l’imbarazzo della scelta e potrebbe optare, soprattutto a gara in corso, a dare un certo minutaggio a chi il campo lo ha visto con il contagocce finora. Al Giraud, dunque, i bianchi affronteranno la gara con estrema concentrazione in virtù del turno favorevole e potrebbe essere questa l’occasione per Caso Naturale di riprendersi lo scettro di capocannoniere. È proprio da Pimonte infatti, che è partita la sua scalata alla classifica dei marcatori del numero 11 biancoscudato che, in quell’occasione, siglò una bellissima tripletta che allora spianò la strada al Savoia del secondo successo stagionale.