Barone imprescindibile, Panico e Fava decidono il match. Muro spacca la difesa come all'andata, bocciato Palumbo

SAN GIORGIO A CREMANO (NA) Il Giugliano di De Stefano si è qualificato agli ottavi di coppa Italia dopo una rimonta realizzata solo nelle battute finali del match di oggi contro il San Giorgio. Importante prestazione dei gialloblù che partono male, e si complicano la vita da soli concedendo un rigore ai granata. Mola è superlativo e para. Poco dopo il periodo buio del match prosegue con l’espulsione di Aliperta. Nel finale di tempo, però, un po’ a sorpresa Panico porta in vantaggio i gialloblù. La ripresa è un assedio dei “tigrotti” che passano a 3 in difesa, e grazie ad alcuni cambi vincenti del tecnico ex Albanova riescono a trovare il gol vittoria nel finale, con un rigore realizzato da Dino Fava Passaro. San Giorgio che chiuderà il match in 9, con le espulsioni di Palumbo e Gala. 

SAN GIORGIO:
CAPECE 6 – Un portiere della sua esperienza deve gestire di più la rabbia agonistica. Non può nulla sui due gol presi.
PELUZZI 6 – Non corre particolari pericoli quando gira Caso Naturale sulla sinistra. Fatica di più quando il Giugliano passa ad una difesa a 3.
RUSSO 5.5 – Un passo indietro rispetto all’ottima prestazione dell’andata.
VISCOVO 5.5 – È la carta scelta a sorpresa da mister Ignudi. Non ripaga la fiducia con una buona prestazione.
GALA 5 – L’espulsione nel finale corona una prestazione da dimenticare del tutto.
PALUMBO 4.5 – È l’altra novità di formazione. Bocciato… anche dall’arbitro che lo espelle per perdita di tempo.
DE MARTINO 6 – Tranquilla amministrazione del centrocampo, ma oggi non viene aiutato dalla squadra
PORCARO 6 – Una partita sufficiente senza correre rischi
PERNA s.v.
DI MICCO 6 – Dopo la doppietta dell’andata non si ripete anche se va vicino approfittando di una papera di Mola.
MINICONE 5.5 – Prova con la sua velocità a creare superiorità numerica. Sparisce quando il San Giorgio necessitava dei suoi scatti.

Subentrati:
MURO 6.5 – Come all’andata il suo ingresso cambia il volto dell’attacco. Si procura un calcio di rigore, che Mola gli para.
COPPOLA 5.5 – Troppo statico per il veloce attacco granata.
PEZZELLA 5.5 – Lanciato nella mischia quando il San Giorgio era ancora in vantaggio nello scontro diretto, non riesce a garantire lo stesso equilibrio di De Martino.
MORELLA s.v.

GIUGLIANO:
MOLA 6.5 – Parte malissimo, perdendo la visuale del pallone in due occasioni. Recupera alla grandissima compiendo una signor parata sul rigore di Muro.
SARDO 6 – Terzino destro, difensore centrale e dopo ancora terzino destro. È il jolly di questa squadra sfornando sempre una discreta prestazione. Non è ancora al 100% della condizione, si aspetta il ritorno di quello visto al Savoia.
MENNELLA 4.5 – Esordio horror per il terzino. Insicuro, troppi tocchi di palla, lascia rimbalzare il pallone ogni volta che è in aria correndo rischi sul pressing degli avversari, che spesso gli portano via palla.
DE ROSA 5.5 – Inizio discreto con cattiveria, fatica quando viene espulso Aliperta e si sposta centrale di difesa.
ALIPERTA 5 – Parte bene, pronto a rifarsi dopo il pessimo esordio al Vallefuoco. Conclude la partita negli spogliatoi dal 37′ per un brutto fallo di reazione.
DI GIROLAMO 7 – Piedi educatissimi a servizio di De Stefano. È appena tornato da un infortunio, ed è sicuramente un acquisto importantissimo.
PANICO 7 – Gioca a sorpresa da ala destra, e sforna una prestazione super. Suo il tocco sotto che apre le danze e spiana la strada degli ottavi.
TARASCIO 6 – È un cane rabbioso. Avvio nervoso, dove viene ammonito e rischia anche troppo. Successivamente si riprende le chiavi del centrocampo giostrando tutti i palloni durante le trame offensive.
FAVA 6.5 – Anche oggi sembra essere una giornata no, dove non trova il gol. Nel finale i compagni gli lasciano l’occasione di calciare il rigore che lo sblocca e porta il Giugliano al turno successivo.
D’ANGELO 6.5 – Ritorna tra i titolari, e lo fa alla grandissima con una prestazione di quantità e qualità.
CASO NATURALE 6 – Male da ala destra, abbastanza meglio quando il Giugliano passa al 3-4-2. Ancora oggi manca il gol.

Subentrati:
CECERE s.v.
CAPONE 5.5 – Entra con voglia e con grinta. Forse troppa grinta e poca qualità.
BARONE 7.5 – Quanto è mancato Barone all’andata? Il centrocampista.. Anzi terzino.. Anzi difensore.. Anzi tuttocampista gialloblù non teme la concorrenza, anzi, si candida fortissimamente ad un ruolo imprescindibile tra gli 11 titolari.
MANZO 5.5 – Non entra con lo stesso impatto dell’andata.
CASSANDRO s.v.