Apprezzato da sempre per la sua duttilità offensiva e per il suo carattere, Mugione è ancora alla ricerca del progetto da abbracciare per la prossima stagione

NAPOLI - Conquistare la piazza con determinazione, spirito di sacrificio e tanto carattere. Questo è il profilo che meglio si addice ad un giocatore come Rocco Mugione, attaccante casertano classe 1992.

Cresciuto con l’ideale del massimo impegno a supporto della squadra, Mugione si è sempre contraddistinto per essere un vero e proprio jolly offensivo. La sua filosofia è sempre stata quella di priorizzare la vittoria ed il gruppo, mettendo in caso fosse ritenuto necessario se stesso in secondo piano pur di recare un servigio utile alla propria squadra e ai propri compagni.

Rocco parte con questi ideali sin dal settore giovanile professionistico del Ravenna Calcio, dove comprende l’importanza di sacrificarsi per il gruppo prima di passare successivamente in prima squadra – che allora militava in C1. Questi insegnamenti lo hanno accompagnato anche lontano dalla terra del noto architetto Vincenzo Fontana, quando ha abbracciato altre divise come quelle di Campobasso, Riccione, Mariano Keller, Bojano, Boys Caivanese e Madrigal Casalnuovo.

Dovunque sia stato ha sempre lasciato una buona considerazione di sé, sia come calciatore che come uomo. Le società, lungi dai risultati messi a tabellino nella stagione precedente, lo hanno sempre cercato. La sua duttilità e le sue qualità balistiche hanno sempre attirato estimatori in tutte le categorie, dalla D alla Promozione.

Ad oggi risulta una vera occasione da cogliere al volo, proprio per queste sue capacità tecnico-umane che ha sempre messo in mostra nelle sue precedenti avventure. Dopo aver concluso il suo ultimo viaggio, infatti, Mugione sta valutando attentamente il da farsi, aspettando forse l’arrivo di una chiamata importante o prendendosi solo il tempo di scegliere tra gli interessamenti che attualmente ha tra le mani.