Il presidente del club pugliese giustifica: "E' dura mettere su una squadra in pochissimo tempo, peraltro andando a comprare giocatori che sono già in ritiro con altre società"

ANDRIA (BT) - Non è ancora iniziato il campionato 2021/2022 di Serie C e già si affaccia sul calendario della competizione lo spettro del rinvio di alcune giornate.

A lanciare questo allarme è stato, in un’intervista al Corriere dello Sport, il presidente Aldo Roselli della Fidelis Andria. Il club difatti non sarebbe pronto per competere nel breve tempo e per tale motivo il presidente ha richiesto di spostare a data da destinarsi i prossimi impegni della compagine pugliese. 

“Essendo stati ripescati da poco, siamo ovviamente indietro sul mercato, come tutte le squadre che sono state riammesse. Proprio per questo abbiamo inoltrato alla Lega Pro una richiesta di proroga della partita di Coppa Italia (contro il Bari, ndr) e della prima di campionato (contro la Juve Stabia, ndr). E’ dura mettere su una squadra in pochissimo tempo, peraltro andando a comprare giocatori che sono già in ritiro con altre società”.

La posizione del presidente dell’Andria nasce, oltre che da una preparazione arretrata, da una situazione di mercato leggermente d’emergenza. Sono solo sedici, infatti, gli atleti che attualmente si stanno allenando nell’alto maceratese, dove i pugliesi stanno spendendo il loro pre-ritiro stagionale – che terminerà il 14 per permettere poi alla squadra di prepararsi per la sfida con il Bari, nel caso in cui non venga posticipata. Si aspetta ora solo la risposta da parte degli organi competenti.

 

 

Foto credits: AndriaViva