Le parole del portiere Vincenzo Mormile, detentore di Coppa e campionato con il Marcianise, ma con un futuro incerto ancora da decifrare

MARCIANISE (CE) – Ha del clamoroso quanto accaduto in una piazza così importante come quella del Marcianise. Oltre al campionato dominato e vinto senza mai metterlo in discussione, è arrivata anche la soddisfazione di vincere la prima edizione ufficiale della Coppa Italia Promozione. Una base solida per ripartire nel campionato di Eccellenza, che ha infiammato una piazza che si stava ravvicinando lentamente. Poi, improvvisamente, il comunicato ufficiale che rabbrividisce con un nodo alla gola: il Marcianise con ogni probabilità non si iscriverà al prossimo campionato. Una nota dolente, una squadra che ha già perso tutti i pezzi della scorsa stagione trionfale. E adesso, anche uno dei portieri più forti in circolazione, Vincenzo Mormile, è alla ricerca del suo futuro. Ecco l’intervista completa:

Sei stato uno dei protagonisti del vincente Marcianise. Che effetto ti fa vedere questa squadra dal paradiso all’inferno in così poco tempo?

“Sono molto amareggiato e allo stesso tempo incredulo. Noi calciatori abbiamo messo l’anima in campo per portare a termine due obiettivi fondamentali che non erano previsti dalla società. Abbiamo vinto il campionato con grande anticipo, la Coppa Promozione è stata una bella soddisfazione anche personale. Vedere una città come Marcianise sprofondare ancora una volta mi fa stare male. Ho vissuto sia la rinascita ai tempi della Maceratese che questa attuale, quindi sono molto amareggiato e spero che la situazione si possa risolvere prima possibile magari con l’ausilio di forze nuove”.

Dove ti vedremo l’anno prossimo?

“In realtà sto ancora aspettando qualche chiamata importante, cerco un progetto che mi galvanizzi e che mi dia nuovi stimoli per fare bene. Voglio dare proseguo alla vittoria del campionato, a play off persi 2 anni fa, quindi cerco un progetto vincente. Ho avuto un colloquio con i dirigenti del Marcianise che non è andato a buon fine per divergenze sia sul lato tecnico che su quello economico. Mi piacerebbe giocare in Eccellenza, provare questa nuova categoria. Attendiamo gli sviluppi ed eventuali chiamate”.

Il mercato dei portieri è sempre più complicato e ristretto…

“Si, il mercato dei portieri è sempre un’incognita legata soprattutto al discorso degli under. Tante squadre preferiscono il portiere piccolo per recuperare un over in campo, quindi è sempre difficile trovare squadra”.

Come stanno andando i tuoi progetti con la scuola dei portieri?

“Molto bene. Sono impegnato in un progetto con Vincenzo Improta al quale faccio un grosso in bocca al lupo per la sua nuova avventura con l’Afragolese, occasione importantissima per lui in una piazza importante. Collaboro anche con mister Gravina che non ha bisogno di presentazioni, ha calcato per tanti anni il professionismo. Il tutto partirà a Settembre allo stadio Simpatia di Pianura. Negli ultimi anni, con stage gratuiti, abbiamo messo a disposizione le nostre conoscenze con tanta spensieratezza. Prossimi impegni? Dal 1 al 5 luglio ripartirà lo stage che abbiamo già realizzato il 10 giugno con quasi 80 iscritti gratuitamente. Quello più bello sicuramente a Dicembre dove facemmo 100 iscritti, una soddisfazione personale e punto di partenza. Un ringraziamento va anche a te Andrea reporter ufficiale dello stage del 10 giugno”.

A cura di Andrea Murolo