Sotto un caldo rovente gli isolani dominano ma non colpiscono prima del 110', in semifinale c'è il Pianura

ISCHIA (NA) - Ischia in semifinale, la corsa della Palmese si ferma al “Mazzella”. Il guizzo di Castagna nei supplementari consente agli isolani di Monti di passare il turno e prenotare il match interno contro il Pianura, tra le favorite per la Serie D.
Primo tempo bloccato e arido di emozioni, con il caldo a farla da padrona. Al 3′ tentativo di Saurino dal limite, la conclusione del bomber isolano è smorzata e termina docile tra le braccia di Munao. Ritmi blandi, alla mezz’ora Monti smuove subito le acque e inserisce Sogliuzzo e Pesce per Pistola e Di Sapia mentre al 43′ arriva una ghiotta occasione per i gialloblù: errore a metà campo della Palmese, Sogliuzzo recupera la sfera, si invola e apre per Saurino che conclude in maniera troppo angolata. Il duplice fischio del signor Palmieri è una liberazione per entrambe le compagini che così possono refrigerarsi e ricaricare le batterie.
La ripresa si apre con l’Ischia a trazione anteriore, al 50′ botta di Sogliuzzo dal limite (fuori) mentre poco dopo è Castagna che manca il tap-in vincente a conclusione di una perfetta azione corale degli isolani. Al 63′ è di nuovo l’Ischia a rendersi pericoloso con Pesce che dal limite ma Munao è attento e blocca nuovamente la sfera. La Palmese fatica ad uscire mentre gli isolani poco dopo sfiorano il vantaggio con Saurino che di testa su traversone di Trofa non riesce a centrare il bersaglio. Stesso copione al 70′, Trani riceve in profondità e se ne va sulla sinistra, cross basso in mezzo per Saurino che di un niente non trova il tap-in vincente. Il gol è nell’aria con l’Ischia che domina il campo mentre la Palmese difende con le unghie e con i denti il pari, all’86’ Saurino si divora clamorosamente il gol che vale la semifinale facendosi ipnotizzare da Munao a tu per tu col pipelet rossonero mentre al 93′ gli isolani restano in dieci per l’espulsione di Trani. L’empasse non si sblocca, con Palmieri che manda le squadre ai supplementari.
Nei tempi supplementari accade poco e nulla, la fatica e il caldo imperversano sul terreno di gioco, i calci di rigore sembrano la conclusione più ovvia del match ma non è dello stesso avviso Castagna che al 110′ si inventa il gol che va la qualificazione dell’Ischia: lancio sulla sinistra, il numero 11 di casa si accentra e di destro batte Munao ergendosi a man of the match.

ISCHIA 1-0 PALMESE 1914 (d.t.s.)
[Ischia (NA), 23-06-2021 | “Mazzella” | ore 16,00]
ISCHIA: Di Chiara, Florio, Buono ’01, Di Sapia ’02 (33′ Pesce ’03), Chiariello, Di Costanzo (60′ Monti), Pistola (33′ Sogliuzzo), Trofa, G. Saurino, Arcamone, Castagna.
A disposizione: Mennella, Monti, C. Saurino, Pesce ’03, Sogliuzzo, Trani, Di Meglio ’02, Invernini ’01, Rubino.
Allenatore: Giuseppe Monti.
PALMESE 1914: Munao, D’Oriano ’02, Cuomo, Cardone ’01, Padovano, Taddeo, S. Cozzolino, De Simone, Balzano, G. Cozzolino, Todisco.
A disposizione: Coppola, Reich, Mazzotta ’02, Fortunato ’02, Messina, Perrella, Cacciottolo, Giugliano ’02, Bracale.
Allenatore: Aldo Papa.
ARBITRO: Simone Palmieri (Avellino).
ASSISTENTI: Riccardo Marcone (Nocera Inferiore) – Davide Eliso (Castellammare di Stabia).
RETI: 110′ Castagna.
ESPULSI: al 93′ Trani (I).