Al termine della terza giornata di Eccellenza Campania girone B, Campania Football ha analizzato le gare stilando la top 11 di giornata più il miglior allenatore, comprensiva dei tre under come prevede il regolamento di Eccellenza. 

MODULO 4-3-3

PORTIERE

Domenico Benevento – ALFATERNA CALCIO
Straordinario. Nel primo tempo, dice di no con due prodigi ai tentativi ravvicinati di Procida e Strianese, mentre nella ripresa una sua smanacciata evita sempre al centrocampista di segnare da due passi su cross di Procida. Nulla può sul gol di Ferrentino, per il resto para l’impossibile dando un grosso contributo anche sulle mischie con uscite tempestive.

DIFENSORI

Domenico Ruocco (2001) – ALFATERNA CALCIO
Ricopre diversi ruoli durante la gara, da terzino ad esterno tutta fascia ed infine centrocampista. Lo trovi ovunque, ci mette corsa e anima. Ha tanta energia in corpo, non tira mai il freno e soprattutto nel finale da un po’ di respiro alla sua squadra con qualche accelerazione sulla sinistra: da una di queste, nasce il rigore che porta l’Alfaterna sullo 0-2.

Simone Anzalone (2000) – VIRTUS AVELLINO
Spinge tanto sulla corsia di sinistra, confeziona due cioccolatini che però Fragiello non ribadisce in rete. Grande prestazione quella che fornisce alla causa biancoverde il giovane Anzalone, che si procura anche l’espulsione di D’Andrea subendo un fallo durante la sua ennesima discesa sulla corsia mancina.

Giuseppe Trezza – VIRTUS AVELLINO
Tiene a zero l’attacco pericolosissimo della Palmese rispedendo al mittente gli attacchi portati da D’Andrea, Mascolo e Ciccone. Non si passa dalle sue parti nemmeno con giocate veloci, emblema di una gara perfetta che trova l’exploit nell’intervento incredibile che compie nell’impedire il tiro a botta sicura di Ammaturo: una scivolata in area che vale più di un gol, visto che si era sul risultato di 0-0.

Gaetano Mario Iommazzo – FC SAL DE RISO COSTA D’AMALFI
Destra, sinistra non fa testo perché dove lo metti lo metti, fa un figurone. Le sue galoppate sono un toccasana per il Costa d’Amalfi che crea la superiorità sulla sua corsia praticamente sempre. Tanti i duetti con gli esterni d’attacco, tante le sue sovrapposizioni così come l’esperienza che mette in campo in ogni singola giocata difensiva. Nella ripresa, poi mette la ciliegina procurandosi il rigore del 3-0 ed entrando, con un movimento ad ingannare il portiere, sul gol del definitivo 4-0 di Infante.

CENTROCAMPISTI

Francesco Guerrera – FC SAL DE RISO COSTA D’AMALFI
Segna un grandissimo gol di destro che vale il momentaneo 2-0, una sassata di rara potenza e bellezza. Detta anche  il passaggio per la prima rete di Infante e non si stanca praticamente mai, dando elasticità ed equilibrio al Costa d’Amalfi. Una partita da 10 per Guerrera, insomma, autentico trascinatore dei costieri nella bella vittoria sul Cervinara.

Joshua Patrone (2001) – POLISPORTIVA LIONI
Il millenial rossoblu disputa una partita di grande personalità in mezzo al campo dimostrando una maturità da vendere. Distribuisce tanti palloni e mette a referto anche un assist, di pregevole fattura, per il vantaggio di Sciretta. Il centrocampo è nelle sue mani, una responsabilità che dimostra di non sentire.

Giuseppe Natiello – CASTEL SAN GIORGIO
Si concede una giornata da bomber tornando a fare gol, quello che è un po’ il suo vizio preferito. Bello l’inserimento che gli vale la prima marcatura, glaciale dagli undici metri in un momento topico del match: in mezzo, la solita grande grinta e quantità, doti che lo portano ad essere tra i migliori centrocampisti della categoria. Se non il migliore, considerando i gol che mette a segno!

ATTACCANTI

Mauro Infante – FC SAL DE RISO COSTA D’AMALFI
Che gol, che giocate per il numero 10 del Costa d’Amalfi che, dopo soli 8 minuti, si inventa un gol da essere visto e rivisto: tiro a giro col sinistro in area e rete. Apre le danze e le chiude, con una traiettoria beffarda su punizione che inganna tutto il Cervinara e si infila in rete. Tanta roba!

Edmondo Campione – BUCCINO VOLCEI
Tale cognome, tale giocatore. Che attaccante che sei Campione, anzi l’unico rammarico è vederlo ancora in Eccellenza a giocarsi qualcosa che non coincide con le sue immense doti. Beato Buccino, che si trova tra le mani un attaccante capace di segnare e far segnare con una facilità incredibile. Vedere l’assist che spalanca le porte del gol a Troiano, così come i due gol che mette poi a segno e che chiudono la pratica Eclanese. Un gran diagonale di sinistro ed un perentorio stacco di testa, marcature che mostrano quanto sia grande il suo repertorio: applausi tutti per lui, sta ritornando il bomber tanto ammirato con la Battipagliese.

Nicola Delle Donne – BATTIPAGLIESE CALCIO 1929
Entra dopo 13 minuti dall’inizio della ripresa e spacca la gara. Tante accelerazioni e giocate in velocità, poi però chiude in bellezza segnando un gol da cineteca: pallonetto dal nulla e palla in rete al 90′. Un colpo da vero genio, una giocata che solo certi giocatori possono fare: uno di questi è proprio lui, Delle Donne!

ALLENATORE

Osvaldo Ferullo – FC SAL DE RISO COSTA D’AMALFI
Il Ferguson del Costa d’Amalfi, dopo due pareggi sfortunati nelle prime gare, raccoglie la prima vittoria in campionato demolendo l’ Audax Cervinara con un netto 4-0. Una lezione di calcio quella impartita da Ferullo e dalla sua squadra ai caudini, che vengono storditi da un calcio frizzante, rapido e fatto di pochi tocchi. Uno spartito praticamente perfetto quello steso dal condottiero Ferullo, interpretato alla perfezione da Infante e compagni che hanno divertito i tifosi e segnato ben quattro reti, tutte di bella fattura. Chi ben comincia si sa è a metà dell’opera e, dopo l’exploit dello scorso anno, ora il Costa d’Amalfi punta ancora più in alto: sognare non costa nulla e in costiera i sogni sono abituati a realizzarli!

Qui la grafica completa di Campania Football