Al termine della ventesima giornata del Campionato Promozione per i gironi A e B, Campania Football ha stilato la sua Top 11 e l'allenatore che maggiormente si sono messi in mostra nelle gare del week - end

NAPOLI- È tempo di stilare la TOP 11 per quanto riguarda la categoria Promozione. Seguendo sempre il regolamento del CR Campania, che impone alle società di dover schierare obbligatoriamente tre under (1999, 2000 e 2001), mettiamo in campo quello che per noi rappresentano il miglior undici di giornata facendo riferimento alla diciannovesima giornata del Campionato Promozione  per i gironi A e B

MODULO 4-2-4

PORTIERE

Luigi Allocca – FC CASALNUOVO
Che fosse un portiere di categoria superiore, lo si sapeva e nemmeno ci sorprendono gli incredibili miracoli che colleziona col Villa Literno. Però, è giusto premiarlo perché senza le sue parate forse la partita avrebbe preso una piega differente. Annunziata, attaccante avversario, ancora se lo starà sognando per le tre parate che Allocca compie, di cui una in uscita e due mirabolanti su un’azione in mischia e un colpo di testa ben calibrato. Nulla da fare manco nella ripresa col numero 1 del Casalnuovo che prima interviene ancora puntualmente su colpo di testa di Angelino e poi disinnesca in qualche modo la bordata da posizione defilata di Guadagno. Come se non bastasse, nel finale, blocca l’ultima conclusione del match facendo esplodere tutto lo stadio: applausi per te, Gigi Allocca!

DIFENSORI

Raffaele Pucino – US MARCIANISE
Prende d’assalto la corsia di destra, le sue folate come al solito sono una mina vagante difficile se non impossibile da disinnescare per le squadre avversarie. Prova a tutto tondo per il laterale biancoazzurro che, nella ripresa, si procura anche un rigore che vale il 3-0 e realizza un assist perfetto per la testa di Pingue, che può siglare la rete del momentaneo poker.

Donato Pagnozzi – FORZA E CORAGGIO BN
Nell’annata strepitosa dei beneventani, un posto d’onore spetta a Pagnozzi. Leader indiscusso della difesa e anche goleador, il forte terzino sta dando ai giallorossi qualità in fascia e grande dose di leadership. Suo il gol che sblocca la goleada col Teano, una discesa sulla sinistra ben servita da Tommaselli e gol molto bello in diagonale: seconda posizione conquistata nel girone A, questa squadra vuole continuare a stupire!

Salvatore Giova (2000) – ORATORIO DON GUANELLA
Gli avanti del Quartograd sono un osso duro, ma questo ragazzo ha dimostrato di avere già nelle passate gare le spalle larghissime. Gara perfetta per lui che, in coppia con Buonanova, dice di no a Capuano, Colesanti e Di Matteo in più occasioni strappando a fine gara tantissimi complimenti.

Vittorio Lubrano Lavadera (1999) – ISOLA DI PROCIDA
Buona gara per il terzino destro del Procida, sembra tra i più costanti e propositivi. Sulla sua corsia di competenza, si propone spesso cercando la sovrapposizione e mettendo al centro qualche pallone invitante, così come va sottolineata la sua fase difensiva dove non si lascia quasi mai superare dall’avversario di turno. Peccato solo sul primo gol del Sant’Antonio perché Lubrano Lavadera salva sulla linea di porta un tiro ravvicinato, ma la palla carambola su Vitale finendo poi in rete.

CENTROCAMPISTI

Andrea Taddeo (2001) – FORZA E CORAGGIO BN
Sforna talenti il Forza e Coraggio che, oltre a De Ieso, mette in vetrina anche quest’altro forte centrocampista. Talento cristallino, si rende autore di una gara di qualità in mezzo al campo con tanti palloni smistati e la chicca dell’assist per Castiello, che vale il momentaneo 3-0 per i beneventani.

Salvatore Vitagliano – SSD ISCHIA CALCIO
È la Musa ispiratrice di tutta l’Ischia, il centrocampista su cui poggia tutto il gioco dei gialloblu. Non è un problema per lui prendersi tutte queste responsabilità, anzi. Così prende per mano la squadra anche con la Torrese, segna la rete del vantaggio con un gran diagonale dal limite e serve due assist per le marcature di Rubino e Trani. PIEDE FATATO!

ATTACCANTI

Gianni Sica – RIONE TERRA
Contro la MAUED torna ad essere il bomber di sempre, una Tripletta che gli dà fiducia e morale dopo un periodo a secco di reti. Mesi di astinenza per l’ariete napoletano che, però, al “Domenico Conte” si scatena trafiggendo il portiere D’Auria per tre volte e regalando così ai suoi la seconda vittoria consecutiva. L’intesa con Majella sta diventando sempre migliori, di questo passo per il Rione Terra la salvezza sarà solo ed esclusivamente una semplice formalità.

Luca Borrelli – VICO EQUENSE 1958
Contro il giovane Pimonte, per bomber Borrelli arriva il poker e la doppia cifra stagionale. 14 reti in stagione fin qui per un attaccante che sogna di trascinare, a suon di gol, il Vico Equense in Eccellenza. L’intesa con Varriale è qualcosa di incredibile, i due si intendono alla perfezione e, a fine match, avranno totalizzato sette reti in due scambiandosi assist e giocate a ripetizione. Un intesa che fa gongolare il tifo e la società vicana, che ora vede la vetta a sole due lunghezze.

Vincenzo Capobianco – VITULAZIO CALCIO
In assenza di De Lucia, si prende lui tutto il peso dell’attacco sulle spalle ed, in una gara assai insidiosa, dimostra di fare la differenza in una categoria che lui stesso ha scelto per ragioni diverse da quelle calcistiche. Che giocatore bomber Capobianco, che segna una doppietta col Montesarchio di cui un gol pazzesco in pallonetto che apre il match e una rete di rigore che chiude la contesa sul pari. Due reti che meritano applausi e che sono l’emblema di una gara disputata a grandi livelli dall’ex Gladiator, che ha fatto ammattire per novanta e passa minuti tutta la difesa del Montesarchio senza dargli mai pace.

Armando Toscano – AQUILE ROSANERO CE
Il primo consiglio da sfruttare per non cadere vittima dell’intinct killer di Toscano è quello di stare sempre attenti e mai concedere sbavature in fase di impostazione. Un consiglio che Hicham Rafdi del Ponte non tiene a mente venendo così castigato, due volte su due, dalla velocità e soprattutto caparbietà dell’attaccante delle Aquile che, come un rapace, si è avventato sulla preda portando i suoi sullo 0-3 in un amen. Due gol che hanno chiuso anzitempo la gara e consegnato alla sua squadra punti pesanti in chiave salvezza con i rosanero che si sono portati a +4 sopra la zona calda dei Play Out.

ALLENATORE

Carmine Marotta – FC CASALNUOVO
La sua squadra ha portato in campo la grinta del suo tecnico, Carmine Marotta, uno che nonostante l’avvio di campionato pessimo non si è perso d’animo ed anzi ha continuato a lavorare e lavorare per raggiungere gli ottimi risultati di oggi. Il suo Casalnuovo ora è una macchina quasi perfetta, che gioca benissimo e che diverte soprattutto li davanti dove ci sono calciatori importanti come Pispico, Liccardi e soprattutto Romano, un giocatore da leccarsi i baffi. Perfetta la squadra granata che gioca un gran match col Villa Literno e lo supera in classifica grazie al successo ottenuto per 3-2 in cui va evidenziata anche la grande prova del portiere Allocca. Tre punti che scaccia via anche l’ultimo momento positivo della squadra che, nelle ultime gare, non aveva raccolto ciò che doveva: nello scontro diretto, però, è ritornata cinica e con carattere, proprio come il suo condottiero.