La società si prepara al prossimo campionato di Promozione rinnovando parte dell'organico dello scorso campionato. Non possono mancare, però, nuovi innesti di esperienza come Campese e Montuori

MUGNANO DEL CARDINALE (AV) - Chiuso il colpo Valentino Pirone nelle prime settimane di calciomercato, l’USG Carotenuto si è mossa con fretta sul calciomercato per regalare al confermato tecnico Francesco Bianco la migliore squadra possibile con la quale iniziare a lavorare già dalla metà/fine del mese di luglio. Proprio in seguito alla riconferma dell’allenatore rossonero si sono susseguite infatti ben 17 ufficialità, divise tra conferme e nuovi innesti, che regalano a mister Bianco una rosa molto vicina a raggiungere la completezza finale.

IL CALCIOMERCATO IN ENTRATA: I NUOVI INNESTI

In netta inferiorità rispetto ai rinnovi di contratto, il Carotenuto ha però individuato sul mercato alcuni giocatori di esperienza che avrebbero potuto aiutare e non poco il club nel raggiungimento del suo obiettivo stagionale.

Simbolo di questa politica è l’arrivo in rossonero del difensore classe 1988 Giovanni Montuori. Soprannominato “Mexes“, Montuori è una vecchia conoscenza del calcio mandamentale e mugnanese, nonché uno degli uomini di fiducia di mister Bianco, il quale lo ha voluto anche nella sua avventura al Baiano Calcio. Il compito del difensore sarà, dunque, quello di aggiungere esperienza e personalità alla retroguardia rossonera, tornando a lottare al fianco di una piazza che ben conosce e che già in passato ha avuto la possibilità di apprezzare le sue qualità difensive.

Adriano Campese alla Real Agro Aversa

Un altro colpo, sempre sulla falsa riga dell’aggiunta di esperienza all’organico del club, è quello di Adriano Nenzi Campese. Attaccante classe 1990, Campese si è messo in mostra recentemente con la casacca del Madrigal Casalnuovo, esperienza che gli ha permesso di giungere ad un accordo nel dicembre del 2019 con la Real Agro Aversa. Punta centrale dei granata, Campese vincerà il campionato di Promozione, per poi trasferirsi nella stagione 2020/21 allo Sporting Barra. Concretizzato questo colpo in attacco, la società ha dimostrato di non voler lottare per un posto tra le seconde file in questa stagione, ma di avere fame di vittorie e di protagonismo.

I nuovi innesti, però, hanno avuto il compito anche di ringiovanire la rosa, cercando di creare così il perfetto connubio tra gioventù ed esperienza per creare un gruppo quanto più amalgamato possibile.
Seguendo questa filosofia, il Carotenuto ha portato a casa la possibilità di poter usufruire delle prestazioni del centrocampista classe 1998 Matteo Palmieri. Cresciuto con maglia del Savoia, il centrocampista centrale 22enne ha indossato le casacche di Campobasso, Frattese, Vultur Rionero e Montoro; un innesto giovane, ma con trascorsi anche in categorie superiori alla Promozione come quella di Eccellenza.

Si aggiunge alla lista degli arrivati, inoltre, anche un estremo difensore. Si tratta del portiere classe 2001 Luigi Vacchiano, nell’ultima stagione in Promozione. Formatosi nelle giovanili del Nola e con un breve trascorso al Baiano Calcio, Vacchiano arriva al Carotenuto non per essere una seconda scelta, ma per contendersi il posto da titolare sin dal primo allenamento. Il giovane estremo difensore, infatti, conosce già bene la categoria di riferimento, avendo militato qui l’anno scorso con il San Vitalino, e non aspetta occasione migliore per dare uno slancio alla sua carriera – ancora ovviamente ferma alle fasi iniziali.

Chiudono, al momento, il capitolo nuovi innesti due giovani atleti appartenenti alla categoria Under, i quali potrebbero ben essere razionati da mister Bianco durante il proseguo della stagione. Sempre dal San Vitalino arriva a titolo definitivo l’attaccante Pasquale Monda. Classe 2002, Monda si è messo subito a disposizione del tecnico Bianco e dei suoi compagni, cercando di carpire il più possibile da elementi appartenenti allo stesso reparto calcistico come il neo arrivato Campese.
Il secondo nome, invece, è quello di Antonio Patriciello, difensore classe 2003. Il terzino mugnanese è considerato da molti come un calciatore di importante prospettiva ed è questo il motivo che ha spinto la società rossonera a puntare su di lui nonostante la giovanissima età.


IL CALCIOMERCATO IN ENTRATA: I RINNOVI DI CONTRATTO

Nonostante ci sia da parte della società una grande volontà di sondare il mercato per rinforzare sempre di più la rosa, le attuali possibilità economiche del club e la validità di alcuni elementi hanno spinto il club ad intraprendere una nuova strada, quella dei rinnovi di contratto a calciatori già in rossonero nella scorsa stagione.

Marco Biancardi, una delle riconferme del Carotenuto

Atleti fedeli ai colori rossoneri, il Carotenuto non ha perso tempo nel confermare ancora una volta in terra irpina il difensore Marco Biancardi, classe 1984. Sicurezza all’interno della linea difensiva, Biancardi vanta un curriculum in Serie D di tutto rispetto, avendo giocato con Battipagliese, Sant’Antonio Abate, Budoni, Angri, Viribus Unitis, Pomigliano, Castelfranco, Venafro, Scafatese, Sapri e Manduria. Non mancano poi le esperienze in Eccellenza con Mariglianese, Palmese e Afragolese.

 

Stessa sorte ha avuto il centrocampista Antonio Cardore, classe 1993 ed ex centrale di centrocampo del Pianura. Cresciuto nelle giovanili del Napoli, è sceso in campo al fianco di Pomigliano, Matera, Melfi, Aversa Normanna, Mariglianese, Afragolese e Grotta. Un passato troppo ghiotto per lasciarlo andar via così senza tentar almeno un possibile convincimento – andato alla fine a buon fine.

Terza stagione da confermato anche per il difensore Gianluca Cossentino. Centrale di difesa classe 1998, Cossentino è cresciuto calcisticamente nel Carotenuto, che gli ha dato il tempo di formarsi come uomo e calciatore. Il giovane difensore italiano ha ripagato questa fiducia sempre con solidità e fermezza, mostrando grande attaccamento alla maglia e al progetto rossonero.

Dal 2019 al fianco del Carotenuto, non termina in questa sessione di mercato la storia di amore tra l’attaccante Armando Simeri e la società rossonera. Il fantasista classe 1996 ha ancora voglia di esultare sotto lo spicchio di stadio dedicato ai tifosi del Carotenuto, cercando di superare quello che è stato il suo record personale di reti registrato nella stagione 2019/20.

Moustapha Diallo, ancora per un anno attaccante rossonero

Il reparto offensivo, inoltre, si completa con la conferma di un’altra pedina fondamentale, ovvero quella della punta guineana Moustapha Diallo. Attaccante centrale classe 1992, Diallo è alla sua terza stagione con la maglia del Carotenuto, condividendo con Simeri il percorso svolto con questa casacca. Alto all’incirca 190 centimetri, la punta guineana ha il desiderio di mettere in campo quanto appreso nella seconda parte della scorsa stagione con la maglia della Frattese, dove è andato a segno anche per ben due volte. L’obiettivo, chiaramente, diventa quello di superare nuovamente la doppia cifra di reti, possibilmente facendo sì che siano tutte reti fondamentali per la stagione rossonera.

I rinnovi di contratto, infine, hanno visto come protagonisti anche i baby under del Carotenuto, rinnovati in blocco dalla società campana.
Si tratta di:

  • Biagio Esposito, terzino classe 2003 ormai da due anni al centro del progetto;
  • Stefano Bruno, portiere classe 2001 che andrà a completare il parco portieri;
  • Antonio Lippiello, terzino sinistro classe 1999 che oramai non si può più considerare un Under;
  • Andrea Festa, giovanissimo del club che ha appena compiuto diciotto anni;
  • Luigi Romano, terzino classe 2003;
  • Matteo Tedeschi, attaccante classe 2000.