La Sanciprianese si impone per 3-0 tra le mura amiche e si avvicina alle zone alte della classifica

SAN CIPRIANO D'AVERSA (CE) - Una giornata storta per l’Aragonese, i luscianesi cedono 3-0 a San Cipriano e si vedono affiancare al secondo posto dalla compagine sanciprianese.
Match condizionato pesantente dal manto in terra battuta, che ha reso praticamente inoffensivo il tecnico e veloce attacco orange.

Gara equilibrata, caratterizzata da un gioco estremamente spezzettato, con tantissime interruzioni.
La svolta che decide e incanala la sfida a favore dei padroni di casa al 65’minuto, quando, sfruttando una punizione dalla sinistra, la Sanciprianese spezza l’equilibrio e la monotonia di una gara mai veramente decollata. Inutile le proteste ospiti per un presunto tocco di mani dell’attaccante di casa.

Lo svantaggio abbatte la formazione di Mincione, inspiegabilmente allontanato dalla panchina dall’incerto arbitro di giornata. La Sanciprianese sulle ali dell’entusiasmo trova prima il raddoppio e poi il tris.

Punizione severa per i luscianesi, apparsi comunque poco lucidi dopo la breve sosta natalizia. Nel prossimo weekend l’occasione per l’immediato riscatto, al Comunale di Lusciano arriva il Riscatto Scampia.