Zambataro risponde al rigore trasformato da D’Angelo nel primo tempo

MONOPOLI Si ferma a sei vittorie consecutive la striscia positiva dell’Avellino che oggi è stato raggiunto, in pieno recupero, dal Monopoli nel trentesimo turno di campionato. Pugliesi in piena emergenza: tra casi Covid e infortuni Scienza è costretto a rinunciare a 12 giocatori. Braglia, oggi squalificato e sostituito dal secondo De Simone, si tiene stretto il secondo posto nonostante il pareggio grazie alla vittoria della Ternana (2 a 1) sul Bari, diretta inseguitrice dei lupi.

PRIMO TEMPO Primo quarto d’ora di gioco fatto di tanto agonismo e qualche entrata troppo ‘dura’: le due squadre si contendono il pallino del gioco senza creare eccessivi patemi ai due estremi difensori. Gli irpini si fanno preferire per possesso ma, tuttavia, gli avanti Fella e Maniero sono mal serviti dalla mediana e, complice l’ottima tenuta difensiva monopolitana, le azioni degne di nota latitano. Al ventitreesimo l’azione che porta al vantaggio l’Avellino: Riggio, con un’entrata scoordinata in piena area, stende Carriero, per il signor Cosso è calcio di rigore. Dal dischetto va D’Angelo, la traiettoria del penalty è individuata da Statalino che però non riesce a evitare la trasformazione: 1 a 0 per gli ospiti. Il Monopoli prova a rispondere immediatamente alla rete irpina, la reazione dei pugliesi è veramente ma sterile negli ultimi quindici metri, l’Avellino, dunque, tiene sotto controllo partita e risultato. Passata la mezz’ora di gioco si scaldano gli animi in campo, il tutto dopo un faccia a faccia tra Aloi e Vassallo, con quest’ultimo protagonista di un’entrata dura proprio su Aloi. Nel frangente finiscono entrambi sul taccuino dei cattivi. Nelle battute finali della prima frazione l’Avellino non corre particolari rischi e porta il vantaggio negli spogliatoi.

LA RIPRESA L’Avellino parte subito forte alla ricerca del raddoppio e dopo sette giri di lancette dalla ripresa dei giochi, Maniero, si divora il gol del doppio vantaggio: Statalino ribatte la prima conclusione di Illanes, la sfera termina sui piedi di Maniero che controlla in modo goffo e con un colpo da calcetto prova a sorprendere il portiere monopolitano, la risposta in due tempi di Statalino evita il peggio ai biancoverdi pugliesi. Al quarto d’ora della ripresa Scienza opera i primi cambi nel tentativo di dare nuovo vigore ai suoi: dentro Guiebre e Tazzer per Liviero e Vignati. Il cambio dei due esterni ha l’effetto di aumentare la spinta offensiva dei padroni di casa che però non riescono a portare particolari insidie alla porta difesa da Forte, se non la debole conclusione di Zambataro al minuto sessantatre. De Simone (oggi sostituto dello squalificato Braglia) risponde ai cambi del collega pugliese e richiama in panchina Aloi e lo spento Tito per Adamo e Di Francesco. Al minuto sessantotto ancora una grossa occasione per l’Avellino: questa volta è Fella a mancare l’appuntamento con il gol. La punta irpinia ruba palla a Guiebre e tira di controbalzo: la sfera sfiora il secondo palo della porta difesa da Satalino, nulla di fatto. Alla mezz’ora della ripresa, De Simone, cambia gli avanti, oggi poco lucidi sotto porta, dentro Bernardotto e Santaniello per Fella e Maniero. La partita vive l’ultimo quarto d’ora di continui capovolgimenti di fronte e, al secondo minuto dei quattro di recupero concessi, arriva la doccia fredda per l’Avellino: Guibre crossa dalla sinistra per Zambataro che schiaccia il pallone di testa e buca Forte. Termina così la sfida del Veneziani con gli irpini che non riescono a trovare la settima vittoria consecutiva.

MARCATORI: 23’ rig. D’Angelo, 92’ Zambataro.

MONOPOLI (3-5-2): Satalino; Vignati (58’ Tazzer), Bizzotto, Liviero (58’ Guiebre); Viteritti (83’ Alba), Vassallo, Riggio, Piccinni (75’ Basile), Zambataro; Soleri, Starita. A disp.: Oliveto, Di Benedetto, Glorioso, Nina, Iuliano. All.: Scienza.

AVELLINO (3-5-2): Forte; Illanes, Miceli, Silvestri L.; Ciancio, Carriero (80’ Rizzo), Aloi (65’ De Francesco), D’Angelo, Tito (65’ Adamo); Fella (69’ Santaniello), Maniero (68’ Bernardotto). A disp.: Pane, Dossena, Rocchi, Baraye. All.: De Simone (Braglia squalificato).

ARBITRO: Cosso di Reggio Calabria.

ASSISTENTI: Teodori di Fermo e Tinello di Rovigo.

QUARTO UFF.: Di Graci di Como.

NOTE: ammoniti: Soleri, Vassallo, Aloi, Fella e Illanes; angoli: 4 a 9; recupero: 0’ pt, 4’ st.