I corallini non sfigurano ma le vespe calano il poker con la tripletta dell'attaccante

CASTELLAMMARE DI STABIA (NA) – Vespe di nome e di fatto. La Turris gioca – soprattutto nel primo tempo – ma la Juve Stabia punge e mette in fila la seconda vittoria consecutiva, volando a 43 punti con Foggia e Catania. 

LA GARA Parte bene la Turris che nei primissimi minuti tiene palla e schiaccia i padroni di casa nella propria metà campo spingendo in particolare con Giannone sulla destra. Al 4′ la Juve Stabia subito reagisce al gioco del corallini e sul tiro di Vallocchia Abagnale deve mettere in corner: Marotta prova la grande giocata a giro che esce di poco. 

È l’8′ quando la Turris va vicino al gol con Tascone che va al tiro dopo l’angolo ma la sfera esce di poco. La gara è vivace e dopo un gran recupero su Da Dalt, Scaccabarozzi tenta la fortuna con il destro a giro che esce di poco. 

Tutto questo avviene nei primi minuti e al 12′ occasionissima Juve Stabia che sbaglia incredibilmente: Vallocchia serve Fantacci dalla linea del fondo che mette alto a porta semivuota. Dopo un minuto D’Ignazio lancia Persano che sbaglia a pochi metri. 

DOPPIO VANTAGGIO STABIA Al 22′ la svolta. Fallo in area corallina da parte di Giannone su Vallocchia ed è rigore con Marotta che non sbaglia. Passa un minuto e mezzo e la Juve Stabia raddoppia. Marotta di tacco lancia Vallocchia ma Anagnale respinge con un bel intervento, la palla resta là e va vero la porta, secondo intervento del portiere e sulla respinta l’accorrente Marotta deposita in rete

La Turris non riesce più a produrre come prima e le vespe ne approfittano. Al 28′ su palla persa a centrocampo Fantacci va alla conclusione in area ma la mira non è delle migliori. 

GOL DI GIANNONE Alla mezz’ora la Turris riprende campo e accorcia le distanze al 32′ con Giannone che calcia forte una punizione dai 25 metri circa, con la deviazione che inganna il portiere forse non impeccabile. Corallini ancora vicini al gol con il rasoterra in diagonale di Boiciuc. Al 42′ Giannone ci prova direttamente da corner sul secondo palo, palla fuori di poco. La Turris chiude avanti il primo tempo. Ancora punizione di Giannone, Lazzari ripara in angolo ma l’arbitro non fa battere e fischia la fine della prima frazione di gioco. 

LA RIPRESA: TURRIS KO Il secondo tempo comincia sempre con la Turris che fa la gara e al 52′ Romano.. conclude alto dopo corner. Ma come già successo  è la Juve Stabia che fa male. Vallocchia crossa dalla sinistra, colpo di testa di Fantacci che si stampa sul palo e Marotta si fa trovare ancora pronto per siglare il tris. La Turris accusa il colpo e al 55′ su cross di Orlando  dall’altra parte arriva Garattoni che infila Abagnale per la terza volta

Caneo cambia per la terza volta la punta centrale quando Longo entra al posto di Boiciuc. Il passivo di 4-1 è certamente un po’ bugiardo per come giocano i corallini ma la Juve Stabia è terribile nelle ripartenze e l’esperienza di Marotta ha il suo peso. 

Al 65′ Alma prova a indirizzare su punizione la palla nel sette ma sbaglia di poco. Nel frattempo i padroni di casa cambiano Garattoni e Fantacci con Bovo e Suciu. Ripa prende il posto dell’eroe della giornata Marotta mentre i ritmi della gara si abbassano.

La Turris continua a tenere maggiormente palla e le vespe, forti del risultato, ancora più di prima attendono senza troppi patemi. All’86’ il neo entrato Borrelli tenta il grande colpo in diagonale confermando tutte le sue capacità di vedere bene la porta. Al 90′ servito da Ripa ci riprova dalla stessa posizione circa e meriterebbe più fortuna. L’ultimo sussulto della gara è ancora di marca corallina con Da Dalt che va in percussione in un’azione bella quanto inutile. 

TABELLINO

JUVE STABIA – TURRIS 4-1

JUVE STABIA (3-4-3): Lazzari; Mulè, Elizalde, Esposito; Garattoni (65′ Bovo), Scaccabarozzi, Valocchia (77′ Iannoni), Rizzo; Fantacci, Orlando (77′ Borrelli), Marotta (60′ Ripa)

A DISP: Farroni, Gianfagna, Guarracino, Caldore, Oliva.

ALL: P. Padalino

TURRIS (4-2-3-1): Abagnale; Ferretti, Di Nunzio, Loreto, Da Dalt; Tascone, Romano (28’st Fabiano); D’Ignazio (1’st’ Alma); Giannone (82′ Lame), Boiciuc (55′ Longo), Persano (1’st Rainone). 

A DISP: Lanoce, Signorelli, Pitzalis, Esposito, Salazaro, Brandi, Lame.

ALL: B. Caneo

RETI: 22′ rig. e 24′, 53′ Marotta (JS), 32′ Giannone  (T), 55′ Garattoni (JV)

ARBITRO: Nicolini di Brescia

ASSISTENTI: Cortese di Palermo – Poma di Trapani

IV UOMO: Pirrotta di Barcellona Pozzo di Gotto

NOTE: ammoniti Loreto, Romano, Di Nunzio (T), Lazzari (JS)