E’ viva e vegeta la Cavese di Modica, che al “Rocchi” di Viterbo conquista l’intera posta in palio, riscatta la sconfitta bruciante subita con la Reggina e rilancia prepotentemente la candidatura per un piazzamento nella griglia play-off.

CRONACA – Partita subito viva, quella del “Rocchi”, nonostante un caldo quasi estivo. Le due squadre giocano per superarsi, senza tatticismi, e lo dimostrano dopo pochi minuti, con Fella e Pacilli chiamano subito agli straordinari i due portieri Valentini e De Brasi, che lasciano il risultato inchiodato sullo 0-0 iniziale, con due interventi pregevoli.

La Viterbese va a folate. Un tiro ancora di Pacilli (12′) sorvola ampiamente la traversa; ma è Favasuli che spreca con un tiro alle stelle un contropiede magistrale partito dai piedi di Fella e passato attraverso quelli particolarmente educati di Rosafio e Sainz-Maza.

Al 19′ arriva l’episodio che può indirizzare la partita: Sparandeo tocca con la mano in area un cross di Rosafio. Per Maggio è rigore. Favasuli lo segna con freddezza, scegliendo l’angolo alla destra di Valentini, inutilmente lanciato sul lato opposto.

Il vantaggio metelliano dura poco. Appena 4 minuti e anche la squadra laziale si guadagna un calcio di rigore, con Palermo che viene stesoo da un intervento imprudente dello stesso Favasuli. Pacilli fa 1-1 con precisione chirurgica. Al 29′ reclama ancora un rigore la squadra dicasa, dopo un doppio tentativo di Damiani e De Giorgi, murato nei 16 metri da Bacchetti: con un braccio secondo gli uomini di Calabro, con il corpo per Maggio, che assegna solo un corner.

Non trova la porta Pacilli, su un invitantissimo calcio di punizione dai 16 metri, ben guadagnato dal combattivo Bismark. A sprecare la grande occasione è, però, la Cavese con Tumbarello quasi allo spirare del primo tempo, che tutto solo davanti a Valentini, in posizione regolare, gli calcia addosso, vanificando in malo modo il geniale assist confezionato da Rosafio.

RIPRESA – Calabro si gioca in cinque minuti tre cambi: dentro prima la coppia Molinaro-Tsonev e poi Luppi. L’autore del gol del pari del match del “Simonetta Lamberti”.

Bastano 9 minuti all’ex Verona per impegnare De Brasi, con una frustata di testa che il portiere aquilotto smanaccia in angolo. La Viterbese prova a spingere, ma al 13′ arriva il raddoppio della Cavese. Azione fulminea sul’asse Fella-Rosafio, con l’ex Messina che resiste alla carica di Coda e davanti a Valentini si dimostra freddo nel superarlo e a depositare a porta vuota il pallone in fondo alla rete.

Rosafio esce subito dopo, per un problema fisico, lasciando il posto a Magrassi. Modica ne approfitta per inserire anche Migliorini, al rientro dopo un lungo stop, al posto di Castagna. L’intenzione è di gestire con maggiore freschezza il pallino del gioco. Pochi giri di lancette (25′) e arriva pure il terzo gol che mette in ghiaccio la partita. Lo segna Fella, stavolta in versione bomber, che, servito da uno smarcante colpo di testa di Magrassi, trova il tempo giusto per l’inserimento e batte con un destro a incrociare Valentini, non proprio impeccabile.

I biancoblù vanno addirittura vicini al quarto gol, con un sinistro che va largo di poco di Filippini poco dopo la mezz’ora. Modica, per non correre rischi inutili, decide di coprirsi, inserendo Silvestri e Lia (per Sainz-Maza e Bruno) e passando al 3-5-2. Mossa che mette il lucchetto all’area aquilotta e blinda la conquista di tre punti pesantissimi, che fanno salire la “matricola” Cavese a quota 43, a una sola lunghezza dal sogno play-off.

 

VITERBESE 1-3 CAVESE

[Viterbo, 17-04-2019 | “Enrico Rocchi” | ore 14,30]

VITERBESE: Valentini, De Giorgi, Atanasov, Coda, Bismark (1′ st. Molinaro), Sparandeo (6′ st. Luppi), Palermo, Vandeputte (1′ st. Molinaro), Mignanelli, Pacilli (19′ st. Zerbin), Damiani (19′ st. Polidori). A disposizione: Demba, Bertollini, Cenciarelli, Milillo, Coppola, Sini, Artioli.
Allenatore:
Calabro
CAVESE:
De Brasi, Manetta, Rosafio (16′ st. Magrassi; 37′ st. De Rosa), Favasuli, Fella, Bacchetti, Tumbarello, Bruno (30′ st. Silvestri), Castagna (16′ st. Migliorini), Filippini, Sainz-Maza (30′ st Lia). A disposizione: Bisogno, Palomeque, De Rosa, Buda, Flores Heatley, Agate, Dibari, Ferrara.
Allenatore:
Modica

ARBITRO: Maggio (Lodi)
ASSISTENTI:
Ruggieri (Pescara) e Lattanzi (Milano)
RETI:
20′ pt. Favasuli (C) rig., 25′ pt. Pacilli (V) rig., 13′ st. Rosafio (C), 25′ st. Fella (C).
AMMONITI:
Tsonev (V), Bacchetti (C), Palermo (V), Bruno (C)
NOTE:
Al “Rocchi” di Viterbo si gioca il recupero dell’ 8/a giornata del girone di andata. Giornata soleggiata. Recupero: 0’ pt. e 5’ st.