I rossoneri passano grazie a un gioiello di Orlando, ma si fanno riprendere alla fine del primo tempo dal penalty di Di Prisco e nella ripresa sprecano troppo.

NOCERINA 1

PORTICI 1

NOCERINA (3-5-2): Feola; Vuolo, Caso, Salto; Iodice (83’ Ferraioli), Pecora, Cardone (66’ Amendola), Ruggiero, Festa (72’ Vatiero); Simonetti (40’ Odierna), Orlando. A disp.: Novelli, Ansalone, Cicalese, Di Crosta, Montuori. All. Gerardo Viscido.

PORTICI (4-2-3-1): Marone; Salimbé, Cretella, Sall, Boussaada; Nappo, Atteo (82’ Coratella); Onda, Di Prisco, Carrafiello (46’ Felleca, 77’ Panico); Improta. A disp.: Antico, Sgambati, Imbimbo, Grieco, D’Angelo, Marzano. All. Mauro Chianese.

MARCATORI: 21’ Orlando (N), 39’ Di Prisco (P).

ARBITRO: sig. Edoardo Papale di Torino. Assistenti: Marra di Milano e Cimmarusti di Novara.

NOTE: pomeriggio soleggiato. Campo in erba sintetica. Ammoniti: Orlando (N), Carrafiello (P), Salimbé (P), Pecora (N), Cardone (N), Vuolo (N), Cretella (P). Calci d’angolo: 4-4. Recupero: 3’ pt; 4’ st. Spettatori: trecento circa.

Ennesimo pareggio per la Nocerina che, allo stadio “Amedeo Liguori” di Torre del Greco, non va oltre l’uno a uno contro il Portici. I molossi, apparsi in crescita rispetto alle ultime uscite, passano in vantaggio con un gran gol di Orlando, ma si fanno riprendere alla fine del primo tempo da un rigore di Di Prisco. Nel finale, un super Marone tiene a galla il Portici e sbatte la porta in faccia ai rossoneri, che mancano nuovamente all’appuntamento con la vittoria.

LA NOCERINA PASSA CON UNA PERLA DI ORLANDO, RISPONDE DI PRISCO DAL DISCHETTO. Sul campo di casa provvisorio di Torre del Greco, la Nocerina di Gerardo Viscido ospita il Portici senza nascondere le ambizioni vittoria. Il tecnico rossonero si affida al solito 3-5-2 e, rispetto alla gara contro l’Igea Virtus, recupera Salto in difesa e Pecora a centrocampo. Per il Portici, invece, mister Mauro Chianese schiera il solito offensivo 4-2-3-1. L’avvio di gara vede entrambe le squadre studiarsi, ma la Nocerina dà la sensazione di potersi rendersi maggiormente pericolosa. Lo si capisce al 21’, quando i rossoneri si portano in vantaggio. Imbeccato alla perfezione da un lancio lungo di Festa, Orlando supera i centrali avversari e scarica un chirurgico destro a giro sul primo palo. Il Portici sembra accusare il colpo e la sua reazione consiste in un’azione personale di Onda che si conclude con un tiro non di molto a lato e da una punizione di Nappo respinta goffamente da Feola. I partenopei crescono di minuto in minuto e trovano il gol del pareggio. Al 39’ Atteo va via in mezzo a due avversari e viene messo giù in area di rigore, provocando così l’inevitabile penalty. Dal dischetto, l’ex Nocerina Di Prisco batte Feola con un destro forte e preciso. Con il pari degli avversari, di fatto, si chiude anche la prima frazione.

VATIERO E CASO HANNO SPRECANO L’OCCASIONE PER VINCERLA, MA MARONE INCHIODA I MOLOSSI SUL PAREGGIO. La ripresa inizia con la Nocerina più determinata e motivata. Al 13’ il solito Orlando suona la carica con un sinistro a incrociare da posizione defilata, respinto prontamente da Marone. Dopo una lunga fase di stallo, i rossoneri vanno vicinissimi al sorpasso. All’80’ Odierna crossa al centro per Vatiero che, da distanza ravvicinata, si fa deviare la conclusione dal portiere. L’occasionissima capitata sui piedi dell’esterno molosso dà nuova linfa ai padroni di casa, che attuano un vero e proprio forcing finale. Al 91’, sugli sviluppi di una palla inattiva Caso calcia da pochi passi a botta sicura, ma Marone si supera con un grande intervento. È questa l’ultima emozione del match, che termina con un pareggio di cui la Nocerina non può accontentarsi. La vittoria, infatti, in casa molossa comincia a mancare da troppo tempo.