Il consigliere delegato al settore giovanile attacca l'attuale Presidente sulla questione Prima Categoria e lancia la sfida per un confronto sui 9 mesi di operato sotto la presidenza Gagliano

NAPOLI - La frattura all’interno della Figc Campania che si è creata tra il Presidente Gagliano e 6 consiglieri sembra insanabile. Salvatore Errichiello portavoce di questo gruppo ha precisato la posizione in merito alla situazione campionato Prima Categoria.

“Gagliano se vuole essere una persona responsabile entro 24 h deve convocare il Consiglio per permetterci di votare l’ammissione delle società al campionato di Prima Categoria affinché il campionato possa iniziare regolarmente”.

Gagliano dopo la pubblicazione del nostro articolo ha prontamente risposto dicendo che il Consiglio al 99% verrà convocato per esaminare e votare le ammissioni della Prima Categoria. Su questo punto sempre Errichiello ha puntualizzato.

“Gagliano avrebbe potuto inserire nel consiglio di Venerdì scorso tenutosi alle 14,00 l’esamina delle riammissioni in Prima Categoria, cosi da permettere questa mattina agli uffici preposti di continuare il lavoro con l’elaborazione dei gironi e calendari. Allora Gagliano vuole il caos, l’ha fatto volutamente oppure se l’è dimenticato”.

Arrivati a questo braccio di ferro, Errichiello ha tutte le intenzioni insieme agli altri consiglieri di continuare sulla propria strada e con le proprie idee. Ed ecco il colpo a sorpresa, il lancio di sfida ad un confronto con società e giornalisti per discutere questi 9 mesi dalla sua elezione a Presidente.

“Sono pronto per un confronto alla presenza di società e giornalisti, dove Gagliano e i suoi amici si siedono da un lato e noi dall’altro. Noi gli facciamo 10 domande e lui altrettanto a noi, così vediamo cosa è successo in questi 9 mesi”.

Insomma il consigliere di Casalnuovo appare convinto più che mai delle sue tesi e di una Presidenza che non sta facendo il bene delle società e del calcio campano.