La maggior parte delle società, riunite in videocall con Zigarelli, ha proposto di annullare la stagione. Rabbia da parte del numero uno del Napoli United

NAPOLI | Eccellenza, che si fa? Negli ultimi giorni è cominciato il tam tam riguardante la ripresa dei campionati dilettantistici regionali sulla scia del protocollo sanitario utilizzato per la Serie D. Il nuovo Dpcm in vigore sospende ulteriormente le competizioni regionali fino al 5 marzo e continua a vietare lo sport di contatto. In ogni caso il football nostrano si è mosso: a dare slancio alla proposta di ripresa è stato il movimento “Ridateci il calcio” che ha avviato anche una raccolta firme tra i capitani e gli allenatori di Eccellenza e Promozione.
Oggi pomeriggio si è tenuta invece una videocall tra i presidenti del massimo torneo regionale e il numero uno della Figc Campania Carmine Zigarelli. Non conosciamo nel dettaglio l’esito della discussione ma da un post su Facebook del numero uno del Napoli United Antonio Gargiulo è facile intendere che la maggior parte dei massimi dirigenti è orientato nel fermare definitivamente tutto e ripartire a settembre.
Un commento stizzito quello di Gargiulo verso i suoi omologhi: “Sono davvero sconvolto e deluso dalla presa di posizione della maggior parte dei presidenti dell’Eccellenza Campania. Sono arrabbiato e sfiduciato per quello che sarà. La trovo una mancanza di rispetto per tutti gli addetti ai lavori, per la dignità di tutti gli sportivi e per coloro che hanno investito anche quest’anno e che stanno lottando affinché si possa ritornare in campo. Un atteggiamento irresponsabile per una categoria che si chiama ‘Eccellenza’ ma alla quale, evidentemente, partecipano società che non hanno nulla a che vedere con questo termine”. Gargiulo è favorevole a riprendere il campionato ma “una larga maggioranza preferisce annullare la stagione piuttosto che provare a continuare come avviene per la serie D”. Ora la palla passa alla governance regionale e a tutta la Lnd.