I ragazzi di Ferazzoli ribaltano lo svantaggio

Cercava continuità una Gelbison in salute opposta oggi al Rende. Dopo l’intreccio del “Morra” dello scorso 11 ottobre, terminato in parità, i due team sono tornati ad incrociarsi nuovamente al “Marco Lorenzon di Rende. Nel pomeriggio, alle ore 14:30 in diretta su Sportitalia, cilentani e calabresi saranno opposti nella ventesima giornata del gruppo I di Serie D, la terza del girone di ritorno. La direzione di gara del delicato match sarà affidata a Luca Pileggi della sezione di Bergamo. Termina 1-2 con la Gelbison che nella ripresa grazie a Mautone ribalta lo svantaggio del primo tempo giunto dalgi undici metri con Ferchichi.

Rende-Gelbison: il primo tempo

L’avvio della gara tra Rende e Gelbison vive sull’equilibrio. Le due squadre su un terreno di gioco in erba naturale, si studiano senza affondare particolarmente nei sedici metri avversari. All’undicesimo Ferraro, punta dei calabresi, cerca la porta di D’Agostino ma la palla termina alta. I locali ci riprovano su piazzato al quarto d’ora: la palla, indirizzata verso la porta rossoblù, termina sul braccio di D’Orsi all’altezza del dischetto. Per il direttore di gara è rigore: dagli undici metri Ferchichi spiazza D’Agostino per il vantaggio calabrese. Gli ospiti, dopo la rete subita, alza il baricentro senza pungere dalle parti di Quintero. Il portiere dei padroni di casa abbranca la sfera, al 33′, un tiro di Graziani, scagliato dalla distanza. Poco dopo è Garritano, a pochi metri dalla porta, a sfiorare il raddoppio negato dall’intervento superlativo di D’Agostino, bravo a metterci una pezza. L’ultima occasione, a ridosso del recupero, è per i cilentani che con D’Orsi, di testa su un corner, vedono un salvataggio provvidenziale sulla linea da parte di Ferraro.

La ripresa

Il secondo tempo tra Rende e Gelbison vede i cilentani partire in maniera più decisa. De Foglio, al 2′, e Sparacello provano a fare le prove generali del gol. Rete che arriva, al 12′, sugli sviluppi di un corner dove Mautone svetta più alto di tutti mettendo la palla nell’angolino. Lo stesso centrale dei vallesi corona una domenica da incorniciare al 68′: su un cross proveniente dalla sinistra il difensore pennella una frustata sul palo più lontano, incrociando dove Quintero non può arrivare. Al 78′ il rinvio di Quintero centra Sparacello che colpito dalla sfera manca di un metro il colpo che avrebbe chiuso anzi tempo la gara. A tre dal termine De Foglio, dai 25 metri, calcia centralmente in maniera potente mettendo di poco sopra la traversa. Nei cinque di recupero i vallesi contengono le sfuriate dei padroni di casa: termina cosi 1-2 per i cilentani.

Il tabellino Rende-Gelbison

Rende-Gelbison:1-2
Marcatori: 16′ Ferchichi (rig.), 57′, 68′ Mautone
Rende: Quintero, Regnante, Cassaro, Garritano (71′ Riconosciuto), Piscopo, Ferchichi, Palma (83′ Orientale), Palermo, Novello (78′ Consiglio), Ferraro (58′ Gozzerini-69’Abbey), Cipolla.
A disp: Moaiorano, Della Rocca, Brandi, Mazzotta. All: Napoli
Gelbison: D’Agostino, Pipolo (46′ Stancarone), Romano, Gagliardi (78′ Onda), Uliano (83′ Maiorano), Graziani, D’Orsi, Mautone, De Foglio, Sparacello (88′ Coiro), Bonfini.
A disp: Simoncelli, Zullo, Guadagno, Iasevoli, Ziroli. All: Ferazzoli
Arbitro: Luca Pileggi di Bergamo
Assistenti: Vittorio Consonni di Treviglio – Ionut Eusebiu Nechita di Lecco
Ammoniti: Ferraro, Garritano, Palermo, Piscopo
Recupero: 2’pt, 5′ st.