La compagine di Enzo Maiuri festeggia con due turni di anticipo la permanenza in Serie D: decisivi un calcio di rigore trasformato dalla punta panamense e i contemporanei stop di Nola e Nardò

SORRENTO | Salvezza matematica per il Sorrento che batte col minimo scarto il già retrocesso Pomigliano e brinda alla permanenza in Serie D con due turni di anticipo. Partita mai messa in discussione dai rossoneri di Maiuri contro i napoletani di Vitale, decisivi un rigore realizzato da Herrera a fine primo tempo e i contemporanei stop di Nola e Nardò. Grande risultato per Enzo Maiuri, arrivato a gennaio al posto dell’esonerato Antonio Guarracino, con i neopromossi costieri che arrancavano in piena zona playout. 

Primo squillo ad opera del Sorrento con De Rosa che al 9′ scambia con Herrera e dal limite calcia di sinistro, tutto facile per Bellarosa. Azione manovrata del Pomigliano al 15′ ma il tiro di M’Biye termina abbondantemente a lato; tre minuti dopo i rossoneri di Maiuri sciupano una ghiotta occasione, con Vitale abile a scodellare dentro per De Angelis ma Bellarosa non si fa sorprendere dallo scavetto. Al 22′ Guarro crossa dalla sinistra per la testa di Herrera ma la torsione della punta panamense non porta i frutti sperati; al 27′ De Rosa per Bozzaotre, cross dalla destra di quest’ultimo per De Angelis che controlla e gira di destro con la sfera che diviene preda di Bellarosa. Pomigliano incapace di reagire, Sorrento più voglioso ma al 31′ è ancora il baby pipelet ospite a respingere il tiro di Masi dal limite. Costieri sciuponi e imprecisi in ben due occasioni: al 33′ cross di Bozzaotre dalla destra per Vitale che tutto solo sul secondo palo manda alto di testa; un minuto dopo Herrera riceve in area, si libera della marcatura calciando di sinistro con la sfera che si spegne a lato. Maiuri striglia i suoi a trovare la rete prima del finale di tempo e al 37′ il Sorrento passa meritatamente in vantaggio: Ferraro commette fallo su Vitale in area, il signor D’Eusanio decreta il calcio di rigore che Herrera trasforma di potenza. Nel finale di frazione padroni di casa vicinissimi al raddoppio ma prima Guarro (bravo Bellarosa) e poi De Angelis sciupano malamente da due passi. Ad inizio ripresa Maiuri inserisce Gargiulo al posto di Herrera con la chiara intenzione di chiudere la pratica salvezza senza troppi patemi: al 55′ serpentina di De Angelis in area vesuviana ma il tiro è da dimenticare. Al 66′ Vitale serve il neo entrato Stallone ma è bravo Ferraro ad anticipare la sfera in extremis e ad evitare il raddoppio. Seconda parte di tempo che vede il Sorrento amministrare il vantaggio, il Pomigliano è incapace di reagire e al triplice fischio di D’Eusanio scatta la festa rossonera per la meritata permanenza in Serie D.

SORRENTO 1-0 POMIGLIANO

SORRENTO: Munao, Todisco ’98, D’Alterio, Masi ’00, Russo, Guarro, Bozzaotre ’00 (62′ Stallone ’00), De Rosa, Gae. Vitale ’01 (90′ Paradiso ’99), Herrera (46′ Gargiulo), De Angelis. A disp. Giordano, Fusco ’99, Rizzo, Scarf ’99, Cardone, Chirullo ’99. All. Maiuri.

POMIGLIANO: Bellarosa ’02, Avella ’98, Marotta ’99, Carnevale ’00 (69′ Buonocore ’99), Ferraro, Mannone, Ferrara, Liberti, Girardi (61′ Savarise), Poziello, M’Biye ’98. A disp. Sorrentino, Picascia, Luise ’98, Thiam ’00, Labriola, Federico ’00, Ritieni ’99. All. Gia. Vitale.

ARBITRO: D’Eusanio di Faenza.

ASSISTENTI: Masciale di Molfetta e Sciammarella di Paola.

RETI: 37′ rig. Herrera.