Una giornata di riposo per gli uomini di Pazienza poi, giovedì ci sarà la ripresa degli allenamenti in vista dell'esordio del 21 maggio

AVELLINO- Testa bassa e lavorare. È il focus dell’Avellino di Michele Pazienza, in attesa di conoscere l’avversario da affrontare al secondo turno nazionale dei play-off di Serie C. L’Avellino ha concluso la regular season al secondo posto alle spalle della Juve Stabia e conseguentemente entrerà in scena solamente il 21 maggio. Oltre quindici giorni di logorante attesa per la compagine irpina, che ha lavorato costantemente agli ordini del tecnico pugliese presso il “Partenio-Lombardi” a porte aperte, dando la possibilità anche a qualche tifoso biancoverde di sbirciare gli allenamenti. L’Avellino ha avuto modo di effettuare diversi test in famiglia e contro la Primavera, mentre oggi pomeriggio ha affrontato in un allenamento congiunto il Trastevere, formazione militante nel Girone G di Serie D. Buoni spunti per il tecnico biancoverde, dove l’Avellino si è imposto per 4-0: due reti per tempo messe a segno. Nella prima frazione hanno timbrato il cartellino Rigone e De Cristofaro, mentre alla ripresa hanno ribadito in rete Gori e Marconi. L’Avellino riprenderà gli allenamenti giovedì, dopo un turno di riposo concesso dal tecnico per la giornata di domani.

A fine gara si è soffermato ai microfoni della stampa Michele Pazienza, mostrando la volontà del suo Avellino di scendere in campo. L’ex allenatore dell’Audace Cerignola ha esordito: “Finalmente tra una settimana si gioca, è sembrato ancora più lungo questo periodo senza gare. Abbiamo recuperato energie mentali e fisiche. Stiamo arrivando bene ai playoff. Nell’amichevole di oggi ho avuto delle indicazioni, alcuni giocatori più in palla, altri meno. Ora dobbiamo resettare e da giovedì dobbiamo ritornare ad essere quella squadra spigolosa che era stata nell’ultima parte del campionato”.

Pazienza ha strigliato la squadra per la mancata cattiveria sotto porta: “Quando prima ho parlato di tornare ad essere quella squadra spigolosa, di toglierci da dosso gli strascichi che ci portiamo dietro da questo periodo, parlo proprio di questo. Sotto porta ci siamo arrivati bene, abbiamo costruito bene ma ci è mancata quella fame e cattiveria che ci ha portato ad essere il miglior attacco, a fare tanti gol. Bisogna ripartire con la cattiveria e la fame giusta da giovedì”.

Sul prossimo avversario, che l’Avellino affronterà ai play-off: “Non c’è un avversario che preferirei affrontare o meno. Le stiamo vedendo, sono gare abbottonate, sono andato a seguire la gara della Casertana, azioni sporadiche, squadre che non vogliono rischiare. I playoff sono così”.

Pazienza poi, ha parlato anche dei ballottaggi: “Sono tutti giocatori forti, tutti titolari, la scelta la farò in base al tipo di partita, di strategia. Le scelte le faccio di volta in volta, è chiaro che la condizione fisica è fondamentale. La parte più difficile è proprio lavorare sull’attenzione. Cionek e Rocca? Sono gli unici che nelle ultime due settimane hanno avuto qualche acciacco, ma ora stanno bene”.