Le dichiarazioni complete del direttore sportivo della Virtus Liburia Nicola Cangiano

TRENTOLA DUCENTA (CE) – Non si è fatta attendere la risposta della Virtus Liburia in merito alle parole del Montesarchio da parte del dirigente Nazzaro. Ecco le dichiarazioni del direttore sportivo Nicola Cangiano:

“Non ho capito bene che ruolo abbia il signor Nazzaro del Montesarchio visto che all’andata si è presentato solo a fine gara dopo che siamo stati derubati in casa loro dove non sono stati neppure capaci di proteggere e accogliere la squadra ospite. Non abbiamo fatto nessun accusa al Montesarchio, ma solamente nei confronto degli arbitri visto che abbiamo subito diversi torti per tutte le giornate disputate.
Ma mi chiedo, questo dirigente ci deve spiegare perché al campo ha ammesso che l’arbitro era stato incompetente e adesso parla di cose dubbie???
Parla di minacce, se eravamo quel tipo di persone, dopo i fatti dell’andata il clima non sarebbe stato quello trovato. Non si può scambiare qualche urla e parolina portata dall’adrenalina di fine gara ad una minaccia. Se c’è stato qualche persona che ha sbagliato entrando in campo sicuramente pagherà. Se hanno preso tante multe lo devono chiedere ai loro tifosi che non sono dei santi.
A noi non interessa ne il Montesarchio ne fare polemica nei loro confronti perché non pensiamo che qualche squadra sia favorita rispetto ad altre, ma abbiamo forti dubbi dopo che abbiamo portato un arbitro davanti alla procura federale. Questo probabilmente ha causato ritorsioni nei nostri confronti, ci siamo pure scocciati di stare sempre zitti. Dalla prossima partita non accetteremo più torti e al prossimo episodio il presidente ha deciso che ritirerà la squadra dal campionato così togliamo lo sfizio a qualcuno e ce l’ho prendiamo noi. Già una lettera è stata mandata agli organi competenti per avvisare delle nostre decisioni”.